Gesù è l’unico rivelatore del Padre

Una riflessione sul Vangelo secondo Matteo (Mt 11, 28-30)

Lettura del Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, Gesù disse:
«Venite a me, voi tutti che siete stanchi e oppressi, e io vi darò ristoro.
Prendete il mio giogo sopra di voi e imparate da me, che sono mite e umile di cuore, e troverete ristoro per la vostra vita. Il mio giogo infatti è dolce e il mio peso leggero».

La gioia di sapere che Dio ci è veramente Padre riempie la vita di ogni persona umana e a noi questa conoscenza viene da Gesù che conosce il Padre e ce lo rivela. Ai tempi di Gesù si parlava già di una conoscenza superiore di Dio che mediante determinati riti, introduceva l’uomo in una sorte di misticismo. Esistevano ricerche   che si immergevano nella ricerca del divino. Nello stesso giudaismo si parlava anche di questa conoscenza di Dio, ma si diceva che Dio poteva essere conosciuto solo da coloro che egli aveva scelti. E di conseguenza l’unico conoscitore di Dio era il popolo eletto, al quale soltanto, Dio aveva affidato la propria rivelazione.

 Ecco perché Gesù ai presenta come unico rivelatore del Padre, la pienezza della rivelazione. Tutto questo e possibile e si giustifica tenendo conto della sua peculiare relazione col Padre, con la sua vita di intimità con Lui fin dall’eternità. Giovanni nel suo vangelo lo dice più chiaramente:” noi parliamo di ciò che sappiamo e testimoniamo ciò che abbiamo veduto; Colui infatti che Dio ha mandato dice le parole di Dio. Il Padre ama il Figlio e gli ha dato in mano ogni cosa. (Gv 3, 11.34ss).

La conoscenza della realtà di Dio non è frutto di speculazioni umane, di ascetismi particolari, che l’uomo pur nella sua onesta ricerca ha fatto lungo la storia, ma ci viene fatto conoscere dalla sacra scrittura, non da una invenzione umana. Il Vangelo di Giovanni a questo riguardo è quello che più si espone nella descrizione della vita intima di Dio e non si ferma a narrare fatti di vangelo, ma soprattutto si immerge nelle parole di Gesù e le  porta a conoscenza delle comunità cristiane del tempo e quindi a noi.

Questo modo di testimoniare da parte dello stesso vangelo di Matteo, che, da come è costruito e espresso, è il più vicino alla mentalità giudaica testimonia che la verità di Gesù è più profonda di qualsiasi ispirazione religiosa umana pur fatta evolvere dalle stesse prime comunità cristiane.

Non saranno mai meditate abbastanza le parole dei vangeli, i fatti raccontati, i miracoli descritti. Purtroppo spesso li inscatoliamo nella nostra mentalità che pure va usata e stimolata ad approfondire. Lo Spirito Santo, come dirà Gesù, ha sempre la missione eterna di farci giungere alla conoscenza della verità di Dio.

18 Luglio 2024
+Domenico

Gesù è figlio di Dio e Dio è nostro Padre

Una riflessione sul Vangelo secondo Matteo (Mt 11, 25-27)

Lettura del Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, Gesù disse:
«Ti rendo lode, Padre, Signore del cielo e della terra, perché hai nascosto queste cose ai sapienti e ai dotti e le hai rivelate ai piccoli. Sì, o Padre, perché così hai deciso nella tua benevolenza.
Tutto è stato dato a me dal Padre mio; nessuno conosce il Figlio se non il Padre, e nessuno conosce il Padre se non il Figlio e colui al quale il Figlio vorrà rivelarlo».

E’ importante continuare a meditare il Vangelo con questa meravigliosa affermazione di Matteo con cui ci afferma solennemente  che Gesù è figlio di Dio e che Dio è nostro Padre: è lo stile del Vangelo di Giovanni, e qualcuno pensa che sia una affermazione presa dal suo Vangelo …

… noi però stiamo su quello che è sicuro: questa affermazione solenne  non può che essere il vero patrimonio di tutti i vangeli, quindi dello stesso Vangelo.

La rivelazione della paternità divina, del fatto che Dio è Padre anzitutto di Gesù e attraverso Gesù di tutti noi è il centro di gravità della predicazione di Gesù: nella paternità divina è riassunto tutto quello che si può dire della relazione di Dio con gli uomini, con l’umanità, con tutte le persone, con ciascuno di noi .. e nell’essere noi figli tutto quello che si può dire della relazione degli uomini con Dio: è il più bel riassunto del vangelo!

Le due tradizioni – quella sinottica e quella di Giovanni – dipendono a questo riguardo dalla tradizione e dalla predicazione più originale.

Avremo mai ringraziato abbastanza Dio per averci rivelato questo esserci Lui il nostro Padre.

Questo è anche necessario perché invece gli scribi e i farisei hanno rigettato la parola di Gesù: erano i dotti del tempo, studiosi (di professione) della Legge.

Il mistero del Regno di Dio Padre non è accessibile per questo genere di sapienza umana: per noi ringraziare Dio, il Padre, significa accettare tutto il disegno del Signore sulla nostra vita e sulla vita di tutta l’umanità.

Noi ci vogliamo presentare davanti a Dio con la coscienza della nostra incapacità e piccolezza, con la povertà sostanziale che caratterizza l’essere umano e con l’umile e “disperata” ricerca di qualcuno che sia capace di riempire la nostra vita … del resto anche altre persone dotte sono alla ricerca di Dio Padre, come dimostra lo stesso Nicodemo, che va da Gesù.

L’autosufficienza sarà sempre il maggior ostacolo per l’apertura al mistero di Dio.

Il piano di Dio può essere rigettato dall’uomo, ma non può essere messo in discussione: molti atteggiamenti umani spesso sono mettere alla sbarra il Signore, dargli la colpa delle nostre disgrazie, rimproverarlo di non farci da Padre.

La roccia della nostra fede e di tutta l’esistenza dell’umanità invece è la paternità di Dio e la condivisione di essa con suo Figlio e nostro fratello Gesù.

17 Luglio 2024
+Domenico

A maggiore intervento di Gesù per noi, abbiamo maggiore responsabilità

Una riflessione sul Vangelo secondo Matteo (Mt 11, 20-24)

Lettura del Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, Gesù si mise a rimproverare le città nelle quali era avvenuta la maggior parte dei suoi prodigi, perché non si erano convertite: «Guai a te, Corazìn! Guai a te, Betsàida! Perché, se a Tiro e a Sidòne fossero avvenuti i prodigi che ci sono stati in mezzo a voi, già da tempo esse, vestite di sacco e cosparse di cenere, si sarebbero convertite. Ebbene, io vi dico: nel giorno del giudizio, Tiro e Sidòne saranno trattate meno duramente di voi.
E tu, Cafàrnao, sarai forse innalzata fino al cielo? Fino agli inferi precipiterai! Perché, se a Sòdoma fossero avvenuti i prodigi che ci sono stati in mezzo a te, oggi essa esisterebbe ancora! Ebbene, io vi dico: nel giorno del giudizio, la terra di Sodòma sarà trattata meno duramente di te!».

Audio della riflessione

A un dono maggiore corrisponde una maggiore responsabilità e Gesù ce ne fa vedere che cosa fa per noi e come lo teniamo in conto. Sulle rive del lago o poco più all’interno ci sono alcune cittadine dove Gesù va  a parlare, va a donare il vangelo. Sono Corazim,  Betsaida, soprattutto Cafarnao, altra geografia che Gesù menziona sono le città di Tiro e Sidone.

Cafarnao è quella in cui ha abitato di più durante la sua attività in Galilea. Dove  ha lavorato di più si aspetta una risposta più adeguata, maggiore responsabilità, invece Gesù che parla in modo generico anche di alcuni miracoli fatti e non pochi discorsi, non vede nessuna risposta o nessun impegno da parte della gente. Le sue parole e i suoi  miracoli sono una epifania dell’azione di Dio che invita sempre al ritorno alla casa paterna, che esprimono la grande misericordia di Dio, il suo amore disinteressato che potrebbe spingere almeno a dialogare, invece da queste città non c’è nessuna risposta.

La responsabilità maggiore ricade su Cafarnao dove Gesù fu presente fisicamente per un  tempo maggiore; ma la risposta non è stata all’altezza della grande gratuità del Regno dei cieli che Gesù con la sua presenza faceva sperimentare.  Forse ne vantavano la presenza anche con orgoglio, ma l’orgoglio non è la responsabilità di una risposta. La risposta personale alla sua proposta decide l’appartenenza o l’esclusione dal regno dei cieli.

E’ chiaro che poi Gesù a chi non sceglie bene deve far capire l’errore. Gesù nella sua predicazione, nella sua opera di convincimento della gente si mise a rimproverare le città che non si erano convertite. Il suo rimprovero è quello del padre nei confronti dei figli.

Sostiene sempre la loro libertà e quando sa che sono nell’errore è trepidante per le conseguenze che si porta dietro, sta in attesa, lascia andare il suo figlio a sperperare i suoi soldi, sa che non troverà la felicità, perché ha scambiato per stelle delle banali luci di attrazione. Eppure ogni giorno è sull’uscio di casa ad aspettare, gli mette nel cuore la nostalgia, il ricordo del bene, il fascino del vero amore. Concede sempre a suo figlio una scelta di riserva per poter tornare ridare alla sua libertà la forza della verità. Signore, noi siamo di Corazim, aspettaci ancora, donaci il coraggio della conversione vera.

16 Luglio 2024
+Domenico

Mi sai amare più di tuo padre e tua madre? 

Una riflessione sul Vangelo secondo Matteo (Mt 10,34-11,1)

lettura del Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, Gesù disse ai suoi apostoli:
«Non crediate che io sia venuto a portare pace sulla terra; sono venuto a portare non pace, ma spada. Sono infatti venuto a separare l’uomo da suo padre e la figlia da sua madre e la nuora da sua suocera; e nemici dell’uomo saranno quelli della sua casa.
Chi ama padre o madre più di me, non è degno di me; chi ama figlio o figlia più di me, non è degno di me; chi non prende la propria croce e non mi segue, non è degno di me.
Chi avrà tenuto per sé la propria vita, la perderà, e chi avrà perduto la propria vita per causa mia, la troverà.
Chi accoglie voi accoglie me, e chi accoglie me accoglie colui che mi ha mandato.
Chi accoglie un profeta perché è un profeta, avrà la ricompensa del profeta, e chi accoglie un giusto perché è un giusto, avrà la ricompensa del giusto.
Chi avrà dato da bere anche un solo bicchiere d’acqua fresca a uno di questi piccoli perché è un discepolo, in verità io vi dico: non perderà la sua ricompensa».
Quando Gesù ebbe terminato di dare queste istruzioni ai suoi dodici discepoli, partì di là per insegnare e predicare nelle loro città.

Audio della riflessione

Ogni giorno noi non possiamo fare a meno di leggere una pagina di vangelo, perché è la buona notizia non solo della giornata, ma della vita nostra e di tutto il mondo. Sappiamo però che le parole di Gesù possono stupirci, disarmarci; non sono parole tanto per dire, non sono osservazioni sradicate da ogni vita, non sono vento che non scuote nemmeno le foglie di un cespuglio, ma sono lo stesso Gesù, Lui è il vangelo, Lui è la Parola di Dio e non c’è Parola di Dio che pronunciata, fatta sentire, ascoltata, ritorni a chi l’ha detta senza operare ciò per cui era stata apposta pronunciata.

E proprio perché sono state mandate, scritte proprio a noi, saranno sempre davanti a noi a interpellarci in una maniera inquietante. “Chi ama il padre e la madre più di me, non è degno di me”. Frase pesante, ma in essa Gesù non ha condannato l’amore umano,  lo ha talmente esaltato da farne un segno sensibile del suo amore per gli uomini. Se però smette  di essere segno e strumento, allora diventa un ostacolo. Infatti non pochi hanno trovato nell’amore umano l’impedimento a seguire una vocazione speciale, o a vivere in  pienezza la propria vita cristiana.  Non hanno saputo operare una scelta giusta.

E’ proprio nei piani di Dio che l’amore che lega genitori e figli, l’amore degli sposi tra loro sia normalmente la forza che apre ai valori dello spirito e a un concretissimo amore di Dio nella comune ricerca della sua volontà. E’ necessario però lo sforzo di ognuno per purificare  nella luce di Cristo, il suo amore da ogni scoria di egoismo. Allora noi vogliamo vivere una religiosità  che si concretizzi quotidianamente nell’amore verso i fratelli, desideriamo che la pace sia costruita in ogni nazione e venga abolita qualsiasi forma di schiavitù. I giovani devono essere posti nella condizione di scegliere  Dio e di decidersi per Cristo anche a costo di dover affrontare grandi difficoltà. Allora anche tutta la nostra comunità si apre a diventare missionaria. L’amore al padre e alla madre nella vita potrà diventare un impegno serio, quando non saranno più autosufficienti. Noi sappiamo che l’amore al padre e alla madre è fondamentale ma sappiamo che al di sopra c’è sempre l’amore di Dio e quello dei genitori sarà sempre una lampada, una fiaccola che accompagna i figli all’abbraccio tenerissimo di Dio Padre. 

15 Luglio 2024
+Domenico

Ogni cristiano deve fare dono del Vangelo a tutti

Una riflessione sul Vangelo secondo Marco (Mc 6, 7-13)

Lettura del Vangelo secondo Marco

In quel tempo, Gesù chiamò a sé i Dodici e prese a mandarli a due a due e dava loro potere sugli spiriti impuri. E ordinò loro di non prendere per il viaggio nient’altro che un bastone: né pane, né sacca, né denaro nella cintura; ma di calzare sandali e di non portare due tuniche.
E diceva loro: «Dovunque entriate in una casa, rimanetevi finché non sarete partiti di lì. Se in qualche luogo non vi accogliessero e non vi ascoltassero, andatevene e scuotete la polvere sotto i vostri piedi come testimonianza per loro».
Ed essi, partiti, proclamarono che la gente si convertisse, scacciavano molti demòni, ungevano con olio molti infermi e li guarivano.

Audio della riflessione

Chi ha dimestichezza con le vite dei santi sa che alla base della loro opera, che spesso è di grande portata, di grande impegno anche organizzativo, c’è sempre una assoluta fiducia in Dio, che chiamano “Provvidenza”; Soprattutto quando si interessano dei poveri riescono a portare avanti opere di assistenza grandiose solo con l’aiuto di Dio.

C’è un’altra opera nel mondo che è altrettanto importante come le opere di carità, perché ne sta alla sorgente: è l’opera di evangelizzazione, cioè l’impegno di far giungere a tutti la Parola di Dio, il dono del Vangelo, la conoscenza di Lui, la speranza ….

Per questa opera ogni cristiano si deve mettere a disposizione!

Nel Vangelo si racconta di Gesù che dà mandato ai suoi discepoli di mettersi in viaggio per questa opera di sensibilizzazione della gente nei confronti della buona novella: li mandò a due a due.

I suoi apostoli, il suo gruppo, la sua squadra … doveva cominciare ad affrontare direttamente – e non stando sempre coperti dall’ombra del maestro – il compito dell’annuncio: Loro sono i primi missionari, i primi mandati, i primi continuatori del suo compito nel mondo … e vanno, ma con alcune indicazioni precise.

La Parola di salvezza ha in sé soprattutto la sua potenza salvatrice, non è legata all’apparato degli strumenti, alla potenza dei mezzi, ma si basa solo sul potente aiuto di Dio.

Chi va ad annunciare il Vangelo, deve fare un atto di fede in Dio, deve sapersi abbandonare in Lui, deve trovare la sua forza soltanto nella grazia di Dio: Bisaccia, denaro, borsa, sandali appesantiscono soltanto il cammino!

La povertà è segno efficace della fede nel Signore: Senza povertà non c’è fede, se non a parole!

Noi non riusciamo mai a fare un salto di qualità nella vita di fede proprio perché siamo troppo attaccati a noi: non siamo disposti ad abbandonarci totalmente al Signore.

Di fatto dopo la morte di Gesù Pietro e Giovanni sapranno offrire l’aiuto di Dio al povero storpio che incontrano dicendo semplicemente appunto: “oro e argento non ho, ma quello che ho te lo do: nel nome di Dio alzati e cammina”.

E’ Dio che salva! è Lui la nostra felicità: non sono i nostri accomodamenti o le nostre parole, i nostri apparati …

Le opere più grandi la chiesa le ha fatte quando era povera, ma ricca soltanto di Dio: Lui ci ha promesso che non ci abbandona mai!

Al ritorno molti discepoli saranno delusi: anche per loro si ripete l’esperienza di Gesù di fronte alla libertà degli uomini: molti non lo hanno seguito.

Quando l’ebreo tornava a casa dopo essere stato in ambienti pagani scuoteva la polvere dai sandali: i discepoli faranno lo stesso non per dire: «io ho fatto di tutto, voi non mi avete ascoltato, andate al diavolo!» ma per richiamare a ciascuno la propria responsabilità, la necessità di decidere!

In un mondo come il nostro occorre deciderci da che parte stiamo, in piena libertà, ma dalla parte del nostro buon pastore.

14 Luglio 2024
+Domenico

Il cristiano è sempre attento testimone coraggioso della sua fede

una riflessione sul Vangelo secondo Matteo (Mt 10,24-33)

Lettura del Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, disse Gesù ai suoi apostoli:
«Un discepolo non è più grande del maestro, né un servo è più grande del suo signore; è sufficiente per il discepolo diventare come il suo maestro e per il servo come il suo signore. Se hanno chiamato Beelzebùl il padrone di casa, quanto più quelli della sua famiglia!
Non abbiate dunque paura di loro, poiché nulla vi è di nascosto che non sarà svelato né di segreto che non sarà conosciuto. Quello che io vi dico nelle tenebre voi ditelo nella luce, e quello che ascoltate all’orecchio voi annunciatelo dalle terrazze.
E non abbiate paura di quelli che uccidono il corpo, ma non hanno potere di uccidere l’anima; abbiate paura piuttosto di colui che ha il potere di far perire nella Geènna e l’anima e il corpo.
Due passeri non si vendono forse per un soldo? Eppure nemmeno uno di essi cadrà a terra senza il volere del Padre vostro. Perfino i capelli del vostro capo sono tutti contati. Non abbiate dunque paura: voi valete più di molti passeri!
Perciò chiunque mi riconoscerà davanti agli uomini, anch’io lo riconoscerò davanti al Padre mio che è nei cieli; chi invece mi rinnegherà davanti agli uomini, anch’io lo rinnegherò davanti al Padre mio che è nei cieli».

Audio della riflessione

Non è raro trovare un cristiano che ha paura a testimoniare la sua fede religiosa, il suo credere, il mondo di valori cui si affida, le convinzioni radicate nella sua educazione familiare. E’ un comportamento che si chiama vergogna, latitanza, nascondersi dietro un dito, mancanza di coraggio, anonimato. Questa paura talvolta viene camuffata da dialogo, da ascolto, da umiltà, da libertà massima che deve essere lasciata alle persone Tutte doti vere e necessarie, che vanno sempre però coniugate con una identità forte del cristiano, una identità non prevaricatoria, ma disponibile a offrire quella speranza che ci è stata data e che  non è nostra, una Parola che viene da oltre. La paura cresce poi se si sperimenta il rifiuto

L’invio in missione da parte di Gesù, infatti, non garantisce necessariamente ai discepoli il successo, così come non li mette al riparo dal fallimento e dalle sofferenze. Per cui essi devono mettere in conto sia la possibilità del rifiuto, come la possibilità e perfino l’inevitabilità della persecuzione. E’ sempre stata storia delle nostre comunità e associazioni quella di far crescere persone disposte fino al martirio a difendere e proporre la nostra fede. Lo è anche oggi nei contesti di intolleranza nei confronti della fede cristiana

Molte ragazze hanno dato la vita per difendere la propria verginità. Del resto un discepolo di Cristo non può che conformare la sua vita a Lui. Qualche momento prima infatti Gesù aveva detto: “Un discepolo non è più grande del maestro, ma è sufficiente per il discepolo essere come il suo maestro.(Mt6,40). Il discepolo deve seguire il modello che è Cristo respinto e perseguitato dagli uomini, che ha conosciuto il rifiuto, l’ostilità, l’abbandono, e la prova più atroce: la croce. La persecuzione non è eventualità remota, ma una possibilità sempre attuale: non esiste missione all’insegna della tranquillità.

Forse per molti di noi il coraggio della fede non ci chiede eroismi, ma di confrontarci con l’indifferenza, con la irrilevanza, con una corrente contro cui si deve andare sempre, ci chiede di essere sempre attaccati alla Parola, di difendere il povero, l’immigrato, il rom, il lavoratore, di offrire riferimenti scomodi, ma roccia su cui si può fondare una crescita.

Non siamo assetati di morte, ma desiderosi di spenderci  sempre per la vita di tutti, mettendo la nostra nella mani di Dio.

13 Luglio 2024
+Domenico

Pecore tra i lupi, ma Gesù è il pastore

Una riflessione sul Vangelo secondo Matteo (Mt 10, 16-23)

Lettura del Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, disse Gesù ai suoi apostoli:
«Ecco: io vi mando come pecore in mezzo a lupi; siate dunque prudenti come i serpenti e semplici come le colombe.
Guardatevi dagli uomini, perché vi consegneranno ai tribunali e vi flagelleranno nelle loro sinagoghe; e sarete condotti davanti a governatori e re per causa mia, per dare testimonianza a loro e ai pagani. Ma, quando vi consegneranno, non preoccupatevi di come o di che cosa direte, perché vi sarà dato in quell’ora ciò che dovrete dire: infatti non siete voi a parlare, ma è lo Spirito del Padre vostro che parla in voi.
Il fratello farà morire il fratello e il padre il figlio, e i figli si alzeranno ad accusare i genitori e li uccideranno. Sarete odiati da tutti a causa del mio nome. Ma chi avrà perseverato fino alla fine sarà salvato.
Quando sarete perseguitati in una città, fuggite in un’altra; in verità io vi dico: non avrete finito di percorrere le città d’Israele, prima che venga il Figlio dell’uomo».

Siamo in tempi in cui ancora essere cristiani per molti è questione di vita o di morte. Ancora molti pagano con la loro vita la fede in Gesù che professano. Molti anche di noi nel nostro mondo pagano in indice di gradimento, in posti di lavoro, in possibilità di fare carriera la propria appartenenza alla vita cristiana. Di fronte a chi fa della fede un paravento per far passare tutti i suoi interessi, per giustificare guerre e calcoli commerciali, per fare battaglie elettorali esistono luoghi in questo nostro mondo progredito in cui ai cristiani è chiesta una scelta tra la vita o la fede in Gesù e scelgono Gesù:

Vi mando come pecore in mezzo ai lupi. La forza del male è sempre più agguerrita della forza del bene. Di fronte alla potenza dell’impero romano la parola di Gesù, in quella lontana provincia ai margini dell’impero, delle cose che contano, era del tutto insignificante, ma lungo i secoli ha saputo farsi strada tra gli uomini, ha saputo parlare al cuore e cambiare modi di vita e superare idolatrie e schiavitù.

La vita di Gesù al riguardo è esemplare; se hanno fatto così al maestro, la stessa sarà la sorte di chi lo vuol seguire, ma Gesù mentre offre uno scenario non molto   preoccupatevi di cosa dovrete dire, di come riuscire a difendervi, perché lo Spirito metterà sulla vostra bocca le parole giuste, la difesa imbattibile, la pace insospettabile, la forza impensata.

Prudenti come serpenti, perché occorre applicare tutta la nostra intelligenza e umanità, ma senza affanno, perché Gesù è il nostro pastore. Intelligenti nell’offrire il vangelo e non le nostre fisime o elucubrazioni o i nostri difetti e interessi camuffati, ma sempre nell’intelligenza di Dio, nell’ascolto fedele della sua Parola. Il cristiano deve guardarsi dal complesso del perseguitato perché spesso sono i suoi difetti presi di mira non la sua fede, è il suo cattivo essere cristiano, la sua pratica religiosa ipocrita che è osteggiata non la sua fede in Gesù. Ben vengano queste difficoltà se servono a purificare la fede.  Solo così può rinascere speranza, può essere ridetta con forza la parola che gli uomini aspettano da Dio per la loro salvezza.

Vediamo tra i cristiani molte defezioni e le loro fughe in mondi esoterici, dove forse la libertà personale viene abilmente manipolata. Ci asteniamo da giudizi sommari, o da giudizi comunque. Lasciamoli a Dio. Le tentazioni di cercare altri riferimenti che non siano il vangelo come è portato dalla chiesa nei suoi sacramenti, nella sua autorevolezza, nella guida del suo pastore, il papa, hanno distorto la vita di tante persone lungo la storia. Nessuno ha in tasca la salvezza, tanto meno se la affida al suo ruolo e allo stesso ministero, senza invocarla umilmente sulla propria vita davanti a Dio, nella purificazione della volontà, dell’intelligenza e degli affetti. Nel disegno di Dio questi fatti possono purificare la nostra fede, ci aiutano a cercare sempre la verità con umiltà e ci rendono ancora più responsabili nei confronti della sete di Dio che tanti uomini e donne hanno e invocano da Gesù, il nostro Signore crocifisso e risorto. 

12 Luglio 2024
+Domenico

San Benedetto dà forza all’Europa, fà brillare il tuo progetto

Una riflessione sul Vangelo secondo Matteo (Mt 19, 27-29)

Lettura del Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, Pietro disse a Gesù: «Ecco, noi abbiamo lasciato tutto e ti abbiamo seguito; che cosa dunque ne avremo?».
E Gesù disse loro: «In verità io vi dico: voi che mi avete seguito, quando il Figlio dell’uomo sarà seduto sul trono della sua gloria, alla rigenerazione del mondo, siederete anche voi su dodici troni a giudicare le dodici tribù d’Israele. Chiunque avrà lasciato case, o fratelli, o sorelle, o padre, o madre, o figli, o campi per il mio nome, riceverà cento volte tanto e avrà in eredità la vita eterna».

Due frasette semplicissime di Matteo ci mettono in grado di riflettere sulla nostra vita, sul mondo in cui viviamo e dare voce a un esempio che le ha messe in pratica alla lettera: san Benedetto patrono dell’Europa. Di lui purtroppo molta gente  sa poco , dico così per rispetto alle idee di tutti, non si ispira neanche lontanamente al lavoro certosino che hanno fatto i benedettini. Hanno ricostruito relazioni umanamente ricche e economicamente e politicamente anche vantaggiose tra diversi nuovi popoli, chiamati barbari, dopo lo sfacelo dell’impero romano, promuovendo non solo monete, ma anche e di più religiosità, cultura e libertà dalla povertà e dalle malattie, organizzazione del lavoro, autosussistenza….

Abbiamo abbandonato tutto e ti seguimmo che sarà di noi? E’ la domanda degli apostoli a Gesù. E’ la domanda di chi si butta per un ideale e si mette al servizio del bene di tutti. Non solo i frati o i preti o le suore e i missionari, sono tutti i cristiani che per un ideale, quello della famiglia prima di tutto, lasciano tutto e si dedicano a questa grande novità che è l’amore tra un uomo e una donna e la vita dei figli. Abbiamo speso tutto per lei, per lui e per i figli, non abbiamo contato le ore, i pensieri, le preoccupazioni; non abbiamo badato a difficoltà di ogni genere e ora, che ci resta? 

Per un figlio i beni sono un dono del padre da condividere con i fratelli. Chi li accumula si rende schiavo dell’egoismo e fa i fratelli schiavi della miseria. Libero invece è colui che è capace di usarli al servizio degli altri. Gesù ci offre di vivere come “da principio” non solo in rapporto con l’altro e con noi stessi, ma anche con i beni materiali. Questi non sono il fine cui sacrificare la nostra vita e la vita altrui, ma il mezzo da usare tanto quanto serve per vivere da figli e da fratelli, con piena libertà, senza lasciarci condizionare. Quello che teniamo in proprio, ci divide dagli altri; quello che doniamo ci unisce. I beni del mondo sono quindi benedizione e vita se li condividiamo liberamente, diventano maledizione e morte se li accumuliamo spesso in forma compulsiva, stregati dal desiderio di possedere. Siamo figli e signori, non servi del creato, proprio perché con esso serviamo i fratelli. Questo ha sempre insegnato e fatto san Benedetto in Europa e hanno fatto i benedettini in tutte le nostre terre portate da paludose e malariche a sane e fertili.

Rifacciamoci sempre all’incandescenza della creazione. Da principio tutto è dono. Possedere e accumulare è distruggere la radice stessa della creazione. La violenza che usiamo per impossessarci delle cose distrugge non solo la fraternità, ma anche i beni stessi di cui viviamo. La cacciata famosa dal paradiso terrestre, è stata una conseguenza amara del voler rapire ciò che è donato. Alla fine delle nostre fragili vite ciascuno porterà il suo tesoro vero: non saranno certo le ricchezze possedute e accumulate, ma quelle vendute e condivise. Di quelle non andrà perduto nulla.

Allora per rifarci alla prima domanda: e noi che avremo? nella nuova creazione, nel giorno senza tramonto che già ora è cominciato, i discepoli, parteciperanno alla regalità, alla gloria, alla ricchezza del Figlio: i poveri regneranno per sempre con Lui. Chi avrà seguito Gesù e amato gli altri non perde nulla, ottiene tutto, ed eredita la felicità senza fine. La pienezza del dono si manifesterà dopo; ma già ora il Regno è suo. Per questo il suo futuro sarà diverso.

Il presente allora rimane il luogo per decidere il passaggio dall’egoismo all’amore, è lo spazio della liberazione della nostra libertà. E’ forse questo il programma dell’Europa? Si libra ancora nei suoi cieli questa colomba di pace o deve fuggire perché la vogliono ingabbiare o impallinare o avvelenare? Certo dobbiamo capovolgere i nostri modelli di vita sociale e stabilire nuove priorità. Sognare sempre una Europa come l’ha voluta san Benedetto ci fa solo bene e non ci fa perdere la speranza.

11 Luglio 2024
+Domenico

Il mister è il Maestro: e con gli apostoli fa la sua squadra

Una riflessione sul Vangelo secondo Matteo (Mt 10, 1-7)

Lettura del Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, chiamati a sé i suoi dodici discepoli, Gesù diede loro potere sugli spiriti impuri per scacciarli e guarire ogni malattia e ogni infermità.
I nomi dei dodici apostoli sono: primo, Simone, chiamato Pietro, e Andrea suo fratello; Giacomo, figlio di Zebedèo, e Giovanni suo fratello; Filippo e Bartolomeo; Tommaso e Matteo il pubblicano; Giacomo, figlio di Alfeo, e Taddeo; Simone il Cananeo e Giuda l’Iscariota, colui che poi lo tradì.
Questi sono i Dodici che Gesù inviò, ordinando loro: «Non andate fra i pagani e non entrate nelle città dei Samaritani; rivolgetevi piuttosto alle pecore perdute della casa d’Israele. Strada facendo, predicate, dicendo che il regno dei cieli è vicino».

Audio della riflessione

Ci sono momenti nella vita delle squadre sportive che puntano tutte su un idolo, un giocatore, entusiasmante, bravo, simpatico. E per lui si scatena la campagna acquisti, in altri momenti invece i giocatori passano in seconda e occorre cercare un bravo allenatore, un ottimo mister che non solo sa farsi obbedire, ma che sa intuire le qualità di tutti e farle mettere a disposizione della vittoria.

Anche Gesù un giorno è alle prese con la sua squadra. Non è l’allenatore, ma di più; non è il mister, ma il maestro; non procede per tentativi, ma per colpi di fiducia; non scarta nessuno e li lancia a uno a uno all’obiettivo di tutti da perseguire con l’originalità di ciascuno. E’ esigente, ma vuole persone libere; sa far domande insistite che ti  destabilizzano (Pietro mi vuoi proprio bene?), ma vuol far crescere sempre nell’umiltà e nell’amore. Se si sbaglia è perché c’è un mistero di libertà che vuol rispettare fino alla fine. E’ Gesù che si fa la sua squadra non va al Regno di Dio mercato, ma prega notti intere e osa: vi farò pescatori di uomini. Li sceglie a uno a uno

La compagnia che Gesù si era scelta non era il meglio che poteva trovare. Nessun allenatore si creerebbe una squadra così diversa, così disomogenea fatta di gente semplice, non colta, nemmeno fedele. Giuda lo tradirà alla grande, Pietro non sarà una roccia di fedeltà, Giovanni è troppo giovane, Natanaele è schietto, ma si fa vincere dal sentito dire… ma Gesù sa di poter contare sulla vita di tutti: in ciascuno è impressa l’immagine di Dio e Gesù da fiducia perché ognuno di loro sappia stanare la grandezza che ha dentro e soprattutto sappia rispettare l’altro per quello che è, accettarne la differenza e assieme, con l’apporto originale di ciascuno, costruire il Regno di Dio.

La vita di ogni comunità cristiana sarà sempre così. Dovrà mettere assieme diversità e doni particolari, culture e idee disparate, abitudini e stili di vita diversi, ritmi e coinvolgimenti di varia intensità. Già in quel gruppo di apostoli si cominciava a delineare la cattolicità della chiesa, la sua grande capacità di scrivere il vangelo in ogni popolo e cultura, accogliendo, purificando, trasformando, soprattutto annunciando il vangelo cui essa deve obbedire in fedeltà assoluta.

Sarà la presenza viva e operante dello Spirito Santo che in tutti cesellerà i lineamenti della figura di Gesù, il suo volto, il suo amore per tutti, la sua fedeltà al Padre. Ogni discepolo pur diverso è imitatore del maestro. Tutti imiteranno Gesù nel donare la vita fino al sangue, in regioni diverse, in contesti diversi, ma tutti per quel Gesù che aveva riempito la loro vita di pescatori e peccatori.

10 Luglio 2024
+Domenico

Chiediamo a Dio che ci doni gente capace di incanalare le energie nella gioia del dono

Una riflessione sul Vangelo secondo Matteo (Mt 9, 36-38) dal Vangelo del giorno (Mt 9, 32-38)

Vedendo le folle, ne sentì compassione, perché erano stanche e sfinite come pecore che non hanno pastore. Allora disse ai suoi discepoli: «La messe è abbondante, ma sono pochi gli operai! Pregate dunque il signore della messe, perché mandi operai nella sua messe!».

Audio della riflessione

E’ brutta la sensazione di sentirti di nessuno, di cercare indicazioni e non trovarle. Abbiamo provato tante volte nonostante i satellitari a sentirci soli in una grande città, poi però qualcuno cui chiedere lo incontri e si riesce a trovare la strada. Nella vita invece è più difficile perché sperimentiamo spesso che nessuno ti aiuta a vivere, ad avere indicazioni di rotta da seguire, non abbiamo princìpi cui ancorarci.

Si crede che navigare a vista sia meglio, ma si incappa in tante delusioni e errori, e ne basta uno da cui non puoi tornare indietro per segnarti tutta la vita. Molti giovani si trovano così per il matrimonio, molti per la scelta degli studi, altri per il modo di divertirsi. Hai sempre e solo attorno o giudizi che non ti rispettano o compiacimenti che ti deresponsabilizzano.

Gesù prova una grande compassione per la tanta gente che vede sola e abbandonata dalla vita, stanca e sfinita, pecore senza pastore abbandonate in balia del primo che capita. Questa impressione te la danno spesso i giovani: carichi di energie, pieni di vitalità, desiderosi di bene, pieni di sogni e di attese e purtroppo sbandati e sballati. Liberi, ma senza meta, intelligenti, ma annoiati. C’è qualcuno che si mette a disposizione di tutte le domande di vita, di pienezza, di verità che salgono dalle coscienze degli uomini? Certo ci sono tanti placebo, tante false risposte, ma soprattutto tanti assopimenti di coscienze. Si può dire che l’arte principale dell’uomo è di far tacere tutto quello che lo rende vivo e attivo per poterlo dominare, per incanalare le energie nel consumo e non nel dono.

Occorrono che preghiamo perché Dio ci regali  operai che preparano persone mature di fronte alla vita,  gente che è capace di cogliere il sussurro che sale, interpretarlo e offrire accoglienza e proposta. La vita degli uomini non è un abbandono al niente, non è indifferenza, ma è una messe pronta per essere colta e offerta al Signore della vita. Annunciatori della sua Parola, testimoni della sua forza, raggi della sua luce, ascoltatori dei desideri di eternità lo devono essere tutti i cristiani, per la fioritura di questi operai  supplichiamo Dio Padre.

Se qualcuno poi vuole imitare Gesù anche nel fare da guida, da pastore, da prete oltre che da operaio in questa bella ricerca di comunione, si compie il disegno di Dio sul mondo e abbiamo ancora di più la certezza che Dio non ci abbandona mai.

9 Luglio 2024
+Domenico