Vediamo se Gesù abbassa l’amore a commercio

Una riflessione sul Vangelo secondo Giovanni (Gv 8,1-11)

La prima pietra che riempie col suo sibilo di morte il porticato del tempio dove hanno tratto a spintoni una donna che vendeva il suo corpo forse agli stessi che la strattonavano, è la parola della legge, una parola di Dio, colta in “flagrante adulterio” dice il Vangelo.

Così sappiamo pure usare la Bibbia noi nella nostra crudeltà: la usava così anche il demonio quando voleva tentare Gesù nel deserto, la usa come un coltello chi si erge a giudice degli altri, chi non sa accogliere l’amore misericordioso di Dio.  

Ebbene quella gente ha già in mano altre pietre vere, acuminate, pronte a far giustizia, a scaricare odio, in una saga quasi purificatoria, sicuri di sentirsi meno sporchi dentro quando avranno tolto dagli occhi quella donna, non perché la ritenevano una offesa a Dio, ma perché ricordava a loro il proprio peccato.

Ma è Gesù che deve dire l’ultima parola.  

Lui … è stimato da tutti, è saggio, è rispettoso della legge, ha detto che nemmeno uno “iota”, un segnetto della scrittura, può essere cambiato.

Vediamo se è proprio così, se anche lui non fa come tutti di questi tempi imbarbariti in cui si punta sempre al ribasso, in questi tempi di buonismo in cui non si ha il coraggio di dire la verità, oggi che si smussano tutti gli angoli sciogliendo la vita in un galateo da melassa.

Vediamo se questo Gesù che è la pienezza in persona con quegli occhi estasiati che non sanno guardare nessuno con il minimo di malizia riesce a lasciare correre questo costume laido, che abbassa l’amore a commercio e compera i corpi distruggendo le anime. 

Nelle domande di quella gente, che ha già in mano le pietre, c’è tutta l’analisi della decadenza dei costumi: hanno prestato parole a tanti fatti dei nostri giorni e a tanti nostri commenti.

E Gesù che fa? Scrive per terra: costringe ciascuno a lasciare le analisi roboanti e a prendersi in mano la vita, prima di tutto la vita di questa povera donna e la propria.

Chi di voi è senza peccato scagli per primo la pietra contro di Lei.”  

E se ne andarono uno a uno.

E’ il primo miracolo che sa fare Gesù: se ci lasciamo guardare dentro da Lui, fa cadere le nostre pietre pronte a colpire, a fare del male, riapre le dita per farle passare da una stretta di morte a un gesto di pace, di accoglienza, di solidarietà, di perdono.

Non siamo ancora maestri, ma peccatori che devono lasciarsi convertire.

L’unico maestro è lui, che non nega la necessità di prendere la strada opposta del peccato, ma restituisce la donna alla sua dignità.

Sulla sabbia aveva disegnato un mondo nuovo, il regno dei cieli dove non si può entrare con le pietre in mano.

30 Marzo 2020
+Domenico
 

Pubblicato da

+Domenico

Domenico Sigalini (Dello, 7 giugno 1942) è un vescovo e giornalista italiano, Vescovo emerito della sede suburbicaria di Palestrina. Una Biografia più esaustiva è disponibile su Cathopedia all'indirizzo https://it.cathopedia.org/wiki/Domenico_Sigalini

Rispondi