Si può tradire in tanti modi

Una riflessione sul Vangelo secondo Giovanni (Gv 13,21-25) dal Vangelo del giorno (Gv 13, 21-33. 36-38)

«In quel tempo, mentre Gesù era a mensa con i suoi discepoli, Gesù si commosse profondamente e dichiarò: “In verità, in verità vi dico: uno di voi mi tradirà”. I discepoli si guardarono gli uni gli altri, non sapendo di chi parlasse. Ora uno dei discepoli, quello che Gesù amava, si trovava a tavola al fianco di Gesù. Simon Pietro gli fece un cenno e gli disse: “Dì, chi è colui a cui si riferisce?”. Ed egli reclinandosi così sul petto di Gesù, gli disse: “Signore, chi è?”».  

La settimana santa entra nella sua pienezza e si porta dentro i nostri sentimenti. 

Abbiamo bisogno di allargare la nostra visione della vita oltre i nostri dolori, le nostre pene: è il tempo delle grandi pulizie, che oggi vorremmo anche più fisiologiche per i nostri mali. 

La luna sta facendosi piena per risplendere al massimo, dalla tragica sera del Getsemani all’alba di Pasqua.  

Altri personaggi ci vengono presentati oggi dal Vangelo, sono Pietro e Giuda: due traditori, due personaggi che ci rappresentano molto bene.

Sono l’immagine della debolezza del nostro amore, della incapacità di buttarci con generosità per gli altri o per l’altro, sono il simbolo della fragilità che sperimentiamo ogni giorno, che vogliamo camuffare con maldestra fantasia.

Di fronte a Gesù si svelano le intenzioni del cuore.  

Pietro, sicuro della sua incrollabile fedeltà, fa l’indagine, cerca il traditore al di fuori di sé: “chi è che ha il coraggio di tradirti?”

Non pensa a sé, è sicuro delle sue scelte: Gesù è per Lui il figlio di Dio, l’aveva detto solennemente quando Gesù aveva fatto la sua inchiesta … bella frase, bel suggerimento dello Spirito, ma la vita ha bisogno di accogliere in profondità e con un tirocinio severo ogni dono di Dio.

Lui non pensa affatto che sarà messa a prova la sua fedeltà, il suo entusiasmo, la sua prontezza, la sua decisione, la sua leadership; invece farà i conti con l’inganno e la troppa fiducia in se stesso e il tradimento cova già dentro di lui i suoi artigli. 

L’altro è Giuda: lui ha già nel cuore la decisione presa, ha già costruito a tavolino la trama, si è già preso i soldi; Il suo cuore è lancinato: è il cuore di tutti noi quando siamo costretti a fingere; vorremmo che tutto fosse già finito, ne portiamo un peso insopportabile, ma non siamo capaci di tornare indietro.

Ci siamo visti fragili, ma non riconosciamo l’errore.

Non ne può più, ed esce sbattendo la porta: quei soldi che ieri rimproverava a Maria di aver buttato con quel lussuoso profumo versato sui piedi di Gesù, oggi li ha in mano lui, anche se sono solo trenta denari anziché i trecento del profumo, gli pesano troppo, va a disfarsene, ma è tardi. 

Non è invece mai tardi per chiedere perdono per affidarsi a Dio: io spero che gli sia bastato quell’istante in cui ha fatto il salto nel vuoto dall’albero, appeso a quella corda; spero che abbia visto in lontananza l’altro albero, quello della salvezza: la croce

Noi questo albero della croce chiediamo a Dio di vederlo, di adorarlo, di baciarlo, come salvezza dalla nostra triste condizione umana di epidemia e di dolore, di disfacimento e di disperazione, perché si accenda ancora la speranza, che è l’ultima a morire e che non vogliamo farci rubare da questa epidemia. 

7 Aprile 2020
+Domenico

Pubblicato da

+Domenico

Domenico Sigalini (Dello, 7 giugno 1942) è un vescovo e giornalista italiano, Vescovo emerito della sede suburbicaria di Palestrina. Una Biografia più esaustiva è disponibile su Cathopedia all'indirizzo https://it.cathopedia.org/wiki/Domenico_Sigalini

Rispondi