Contemplare sempre la Pasqua

Una riflessione sul Vangelo secondo Giovanni (Gv 3, 31-36)

Audio della riflessione

Ci possiamo domandare: come mai ci sono stati anni in cui la nostra vita cristiana è implosa, anziché esplodere? Forse perché non abbiamo contemplato, ma solo organizzato o custodito, abbiamo dato alla preghiera il significato solo di un dovere, di un compito da fare, e non vogliamo più nasconderci nessuna delle domande profonde di umanità, dobbiamo percepire la sete dell’uomo di oggi, constatare il fascino di un mondo male orientato: oggi c’è una pervasività del male e delle tenebre, come dice il vangelo di Giovanni, che esige uno sbilanciamento dalla parte della luce.

Il primo nostro scopo è di contemplare: la contemplazione è luogo di ricerca, spazio in cui ci si fanno domande, non si dà niente per scontato, dove c’è posto anche per il dubbio, la dialettica, il lavoro della ragione e dei sentimenti, delle emozioni, dei comportamenti … vogliamo scavare in profondità, a far emergere tutte le riserve umane che nascono nei confronti della fede, del mondo religioso, della propria appartenenza alla Chiesa, per essere più veri!   

Questi giorni pasquali sono un tempo in cui è possibile l’ascolto, il confronto, lo studio, l’incontro con Gesù, nel silenzio del raccoglimento o nella ricerca comune, nella preghiera o nel dialogo.  

Ogni tanto è utile una visita al cimitero – se ce lo permettono, anche in questi giorni – dove sono sepolti i nostri avi, quelli che non siamo nemmeno riusciti a portare alla sepoltura e sono stati portati senza un minimo di nostra partecipazione, verso i quali oggi siamo debitori di cristiana pietà e di preghiera; quelli che ci hanno passato il testimone della fede, che nei secoli hanno tenuta viva la luce della fede e ce l’hanno tramandata: hanno creato esperienze di vita cristiana, hanno affrontato la vita con la speranza nel Signore risorto. 

Vogliamo guadagnarci una nuova adesione, anche sofferta, ma decisa e felice, alla vita di fede; vogliamo confessare che Gesù è il Figlio di Dio: dobbiamo tornare da Gesù a dire quel “Mio Signore e mio Dio”, dell’affidamento, della preghiera, della celebrazione, della vita sacramentale, dell’accostamento ai tesori della Chiesa, ed in questo tempo ne abbiamo sentito la mancanza.

Allora la Chiesa prenderà nuovo slancio: la nostra comunità diventerà casa abitabile da tutti, soprattutto dai giovani, che sono sempre il nostro futuro. 

La Chiesa oggi ricorda e venera san Giorgio, cui sono dedicate nazioni, compagnie, tante parrocchie, chiese, bandiere: è un difensore contro le forze del male e ne abbiamo sempre bisogno, noi e ogni comunità cristiana, perché dobbiamo vincere il male con il bene

23 Aprile 2020
+Domenico

Pubblicato da

+Domenico

Domenico Sigalini (Dello, 7 giugno 1942) è un vescovo e giornalista italiano, Vescovo emerito della sede suburbicaria di Palestrina. Una Biografia più esaustiva è disponibile su Cathopedia all'indirizzo https://it.cathopedia.org/wiki/Domenico_Sigalini

Rispondi