Un ragazzo diventa e offre il segno del pane della vita

Una riflessione sul Vangelo secondo Giovanni (Gv 6, 1-15)

Audio della riflessione

Ci aiuta a entrare nel capitolo sesto di Giovanni, che accompagnerà alcune eucarestie di questi giorni, un giovane sconosciuto, ma importante come appare nel Vangelo: spontaneo, concreto, generoso, mescolato alla gente con una bisaccia piena di pane e qualche pesce.  

E’ un ragazzo che, come tutti, ha una vita davanti: va tutti i sabati in sinagoga a ripetere e cantare i versetti della Bibbia, qualcuno ogni tanto lo prende e lo molla con qualche lavoro, ma ha sentito parlare di Gesù: per lui Gesù è uno che parla chiaro, che va giù duro, che non fa le solite raccomandazioni di galateo.

Lo voglio sentire anch’io, voglio vederlo anch’io, voglio partecipare alla festa dell’esserci: e va all’incontro con Gesù che lo può infiammare, che lo fa sentire vivo.  

E parte, ma nella sua concretezza, più utile della saggezza di tanti noi adulti (poi dicono che i giovani sono sbadati), si prende una scorta di pane e due pesci seccati: sa che gli viene  un buco nello stomaco, soprattutto quando la vita va a mille. 

Ascolta Gesù che parla, si mescola alla gente e gli viene fame: apre la sua bisaccia, ma è proprio il momento in cui tra gli apostoli si diffonde il panico.

Gesù li provoca: occorre dare da mangiare a questa gente. 
Sì! – risponde Filippo – noi che ci facciamo?

E Andrea: “L’unico che sta bene è questo ragazzetto qui, più avveduto di tutti questi adulti, che pensano di campare gratis.”

Il ragazzo qualche meraviglia l’avrà avuta, sentendosi togliere il pane dalla bocca, ma il suo entusiasmo per Gesù, lo fa pure diventare generoso; sta di fatto che quei cinque pani e quelle sardine arrivano a Gesù: il ragazzo nella sua concretezza, semplicità e generosità li mette a disposizione, e tutti mangiano, e tutti si saziano, e tutti si scatenano e si scaldano.

Erano solo la scorta di un ragazzo per la sua avventura in cerca di vita, diventano il segno di un pane insaziabile, che è Gesù; erano una debolezza, di fronte al problema, sono diventati, attraverso Gesù, la forza. 

Anche noi oggi possiamo metterci davanti a Dio come quel ragazzo che porta i suoi semplici pani e le sue secche sardine; la nostra preghiera può essere molto semplice, ma vera: “Gesù, noi siamo questo, noi ti mettiamo a disposizione il poco che abbiamo per la Tua gloria; ti preghiamo di cambiare quel poco che siamo in pane della speranza, della libertà, della santità per tutti coloro che incontriamo in casa, sul lavoro, nelle nostre responsabilità sociali”. 

Il nostro pane è Gesù: è Lui che ci nutre, che fa rinascere speranza, che permette alle nostre deboli forze di sostenere le difficoltà della vita.

Il pane è la Parola, è l’Eucaristia: ecco perché tanto la desideriamo noi cristiani, questa eucarestia.

Se in questi giorni, finalmente, potremo accostarci, o sarà più vicino il giorno che lo potremo fare, non dobbiamo più essere cosi restii a nutrirci dell’Eucaristia, perché la nostra forza è Gesù

24 Aprile 2020
+Domenico

Pubblicato da

+Domenico

Domenico Sigalini (Dello, 7 giugno 1942) è un vescovo e giornalista italiano, Vescovo emerito della sede suburbicaria di Palestrina. Una Biografia più esaustiva è disponibile su Cathopedia all'indirizzo https://it.cathopedia.org/wiki/Domenico_Sigalini

Rispondi