Il sapore e la forza della vita è Gesù

Una riflessione sul Vangelo secondo Giovanni (Gv 6, 47-48) dal Vangelo del giorno (Gv 6, 44-51)

«In verità, in verità vi dico: chi crede ha la vita eterna. Io sono il pane della vita.»

Audio della Riflessione

In tempi di grande confusione come sono i nostri non è raro farsi domande del tipo: “dove sta il segreto per avere una vita vera, non succube delle strane teorie che ogni tanto qualcuno vende per definitive? E’ possibile trovare pienezza di vita o dobbiamo accontentarci sempre di ritagli, di piccoli adattamenti?” 

Il Vangelo non ha dubbi: la vita piena, bella, felice, completa, degna di essere vissuta, determinante, definitiva ce l’ha solo chi crede, chi si affida, chi mette la sua vita nelle braccia di Dio, chi ha colto in Dio la direzione del suo percorso e lo continua a seguire, a cercare, a percorrere.

Per essere felici occorre avere una fede: noi cristiani diciamo “occorre avere la fede nel Dio di Gesù Cristo”.  

Purtroppo molti dicono che la fede provoca fanatismi e intolleranze: addirittura si fanno guerre, si creano contrapposizioni, si mina la pace sociale e quindi è meglio starsene tranquilli, senza esporsi, facendosi ciascuno i fatti propri …

A parte che qualche contrapposizione naturale, qualche confronto anche duro per chiarire i nostri ideali e sostenerli è sempre meglio della pace del cimitero, e inoltre pace e serenità non possono consistere nel lasciarsi fare la vita dai più furbi, mettersi in balia di chi ha la capacità di farci ragionare come lui vuole, perché è potente, perché è persuasivo, ha tutte le immagini possibili di felicità da propinarci per svariate ore ogni giorno. 

Ogni persona ha una sete di vita che non può passare con l’adattamento: la persona, l’umanità, è un vulcano di energie, di amore, di intelligenza, di forza e deve trovare direzioni verso cui esprimerle, e la direzione che il Vangelo ci dice è quella della fede, e per prendere questa direzione Dio si pone nella vita come il pane, il nutrimento di base, la solida possibilità di crescere nella prospettiva di Lui.

Questo pane è il sapore della vita, e il sapore è Lui; è la forza della vita, e la forza è Lui.

Dice Gesù: “Io sono il pane della vita, io sono a disposizione per ogni vostra fame, io sono la forza di quel Dio che non vi abbandona mai.”

Se facciamo digiuno eucaristico in questi tempi di epidemia è perché c’è una giustizia e un amore più grande che viene prima, una attenzione ai più fragili, ma molti di noi lo hanno sempre fatto volutamente e cocciutamente senza motivo, per superficialità, per supponenza, tutti atteggiamenti che non hanno ragione di stare in un cristiano. 

Anche questa è una conversione che dobbiamo “attuare”.

30 Aprile 2020
+Domenico

Pubblicato da

+Domenico

Domenico Sigalini (Dello, 7 giugno 1942) è un vescovo e giornalista italiano, Vescovo emerito della sede suburbicaria di Palestrina. Una Biografia più esaustiva è disponibile su Cathopedia all'indirizzo https://it.cathopedia.org/wiki/Domenico_Sigalini

Rispondi