E’ possibile avere paura di Gesù e ritenerlo indesiderabile

Una riflessione sul Vangelo secondo Matteo (Mt 8, 28-34)

Audio della Riflessione

Non si può glissare sul tema del demonio: qualcuno per principio lo ha cancellato dalla sua esperienza di fede e … la vuole cancellare da tutti, perché teme che le persone non si prendano le proprie responsabilità di fronte al male che compiono. 

Certo, sarebbe sempre facile attribuire a una forza esterna a me il male che compio, ma il Vangelo è assolutamente chiaro su questo punto: esiste un principe del male, esiste satana, esiste il divisore. 

Non esiste un principio del male, il demonio, e un principio del bene, Dio che si fanno guerra alla pari: il demonio è dell’ordine delle creature e sta sempre sotto Dio.  

Un segno che Gesù è proprio il Messia, a partire dalla cultura e religione ebraica, è che l’atteso delle genti, colui che deve venire, il mandato da Dio per salvare il mondo ha il potere di cacciare i demoni, di vincerli, di essere il signore anche del principe del male. 

Nell’episodio che ha per scenario il territorio dei Gadareni  Gesù si imbatte in due indemoniati, ed è un drammatico scontro sapere che i demoni lo riconoscano e sentano che li sconfigge, li caccia, li vince e che invece gli uomini liberati dal demonio non riconoscano Gesù come il salvatore, anzi lo vogliano ancor di più allontanare da loro: “Lo pregarono che si allontanasse dal loro territorio”.  

Gesù è espulso come indesiderabile: aveva loro aperto la via verso Dio, perché i demoni ora non potevano più ostruirla, ma gli uomini si rifiutano di impegnarsi a percorrerla, anzi giungeranno prima ad accusarlo di essere un emissario del demonio o lo stesso demonio, lo perseguiteranno e lo metteranno a morte in croce. 

Il nostro mondo è troppo supponente rispetto all’esistenza del demonio e al suo influsso sul mondo, ma nessuno non può non restare impressionato del male che dilaga paurosamente sulla terra. Il cristiano sa che la vittoria di Cristo sarà completa alla fine dei tempi, quando tutti gli uomini avranno combattuto e vinto insieme con Gesù. 

Noi siamo chiamati a lottare serenamente, ma costantemente contro il male e prima di tutto quel male che sentiamo dentro di noi: Cristo Gesù sicuramente non ci lascia mai mancare la sua forza, perché Lui ha vinto il mondo e ha vinto il male.  

1 Luglio 2020
+Domenico

Pubblicato da

+Domenico

Domenico Sigalini (Dello, 7 giugno 1942) è un vescovo e giornalista italiano, Vescovo emerito della sede suburbicaria di Palestrina. Una Biografia più esaustiva è disponibile su Cathopedia all'indirizzo https://it.cathopedia.org/wiki/Domenico_Sigalini

Rispondi