I cristiani: strada per Gesù Cristo

Una riflessione sul Vangelo secondo Giovanni (Gv 1,23) dal Vangelo del giorno (Gv 1,6-8.19-28)

«Io sono voce di uno che grida nel deserto: Rendete diritta la via del Signore, come disse il profeta Isaìa».

Audio della riflessione

Dietro ogni successo o grande personaggio c’è sempre qualcuno molto determinato o determinante che costruisce con la sua vita il vero successo del personaggio: lui non compare mai, lavora nel silenzio, sa stare al suo posto, dedica la sua vita, la vive con gioia, sa che cosa gli tocca fare e  come e dove stare perché tutto riesca bene: è quello che fanno spesso i genitori per i figli, dietro ogni giovane atleta o artista c’è spesso un papà o una mamma nell’ombra che col loro lavoro, il loro amore hanno dato tutto ciò che era indispensabile per la riuscita del figlio; non appariranno mai sui giornali o se vi appariranno, sarà sempre incalcolabile la dedizione e il sacrificio di cui sono stati capaci.

È così la figura di Giovanni Battista, chiamato appunto il “precursore”, colui che prepara e che scompare, colui che sa stare al suo posto, colui che vede in Gesù il punto più alto della vita e della storia e vi si mette al servizio.

“Giovanni è stato un grande” – dice Gesù alla gente, – in lui si è condensata ed è arrivata al vertice l’attesa dei secoli, ha intuito il nuovo che stava per sorgere, gli ha dedicato la vita. È stato per tutti una freccia puntata: non ha permesso a nessuno di attardarsi a guardare a sè, ma ha continuamente fatto alzare lo sguardo alla salvezza piena.

“Tra i nati di donna nessuno è grande come lui”, è più grande anche di Mosè: Lui è l’ultimo gradino della scala dell’attesa; si stacca dal passato perché prelude al futuro, ma si stacca anche dal futuro, perché questo è di una novità tale che il più piccolo del regno è più grande di lui. Attraverso Gesù si passa dalla realtà umana ad essere figli di Dio … e quando arriva Gesù, si dichiara non più all’altezza neanche di allacciargli i sandali.

Ha fatto tutta una vita da mediano, ha continuato a passare il pallone, perché altri realizzassero, ha servito “palle goal” a Gesù, se il paragone non vi sembra irriverente; ha fatto un lavoro paziente di tessitura, non ha mai voluto andare sotto gli spalti della curva a urlare, a strapparsi la maglietta, a incitare i fan, a mietere il giusto successo del suo lavoro.

Lui ha sempre lavorato nell’ombra: ha inaugurato il modo di vivere del cristiano, ha anticipato il vero trionfo di Cristo che sarà su una croce.

Abbiamo bisogno di sentirci anche noi frecce puntate a qualcosa di più grande di noi: I cristiani non portano a se stessi nel mondo, i propri interessi, ma vogliono fare da strada per Gesù Cristo.

Il cristiano fa una “vita da mediano” in quella grande partita che è il regno di Dio, il luogo della speranza che a tutti arrivi Gesù, ed è per questo che Dio non ci abbandona mai.

13 Dicembre 2020
+Domenico

Pubblicato da

+Domenico

Domenico Sigalini (Dello, 7 giugno 1942) è un vescovo e giornalista italiano, Vescovo emerito della sede suburbicaria di Palestrina. Una Biografia più esaustiva è disponibile su Cathopedia all'indirizzo https://it.cathopedia.org/wiki/Domenico_Sigalini

Rispondi