Perché siamo così paurosi? Non abbiamo ancora fede?

Una riflessione sul Vangelo secondo Marco (Mc 4,35-41)

Audio della riflessione

Possiamo fare oggi una domanda alla nostra vita, alle nostre paure, alla nostra fede?

Gesù l’ha fatta ai suoi apostoli, dopo una burrasca da brividi, su una barca riempita continuamente di onde per una gran tempesta di vento: Lui c’era, dormiva tranquillamente e viene svegliato da urla disperate, da un rimprovero “cattivo” … “Non t’importa che moriamo?”

Ancora peggio quel che i discepoli di Gesù dicono dopo il miracoloso salvataggio: “Chi è dunque costui?”

Questi apostoli sono con Lui già da vario tempo, hanno risposto alla sua chiamata con generosità, lo stanno seguendo: sono testimoni di guarigioni, di moltiplicazione dei pani, di cacciata di demoni e ancora si domandano “Chi è dunque costui?”

Avrebbero dovuto  farsi qualche domanda su di lui prima, e aver percepito almeno l’amicizia, la bontà, la compassione per  la gente che diceva essere senza guida: potevano aver fede nella sua parola che era molto di più di predica imbonitrice!

I Padri della chiesa – i primi santi vescovi – hanno spesso visto in questa barca, con Gesù e i discepoli nella burrasca, il simbolo della Chiesa: il mare in burrasca è simbolo delle potenze del male e la parola di Gesù una risposta di salvezza a tutte le nostre paure.

Con questo episodio, che in se stesso non è solo la cronaca di una brutta avventura  capitata, ma che vien usato da Gesù proprio come una parabola, Gesù ci fa capire che tutte le tempeste e le paure della nostra vita personale e della vita delle nostre comunità, della chiesa stessa provengono dalla mancanza di fede, il vero motivo per cui possiamo andare “a fondo”: paura e fede non possono stare assieme.

Quante persone oggi dicono che la Chiesa sta andando a rotoli, che non crede più nessuno e che siamo destinati a scomparire, che siamo troppo cattivi e quindi non ci salviamo più, con la gioia degli atei e una cattiva soddisfazione di molti che ne danno la colpa al papa.

Pensiamo con angoscia a questi tempi burrascosi, stiamo diventando tutti pessimisti … Gesù allora ci domanda con meraviglia: “Non avete ancora fede?”

Nella fede in Gesù si supera sempre tutto, se la nostra fede non dorme, anche Gesù è sveglio e ci salva! Quindi ascoltiamo questo messaggio come un appello alla nostra fede, un messaggio di speranza sicura!

Proprio in mezzo alle difficoltà della vita, anche nella nostra dilagante pandemia, come per Gesù, anche per i suoi discepoli, viene il regno di Dio e Gesù ci dice: “Coraggio, io ho vinto il mondo”.

Lui è più forte di tutte le potenze avverse e supera tutte le difficoltà della storia: tutte le nostre angosce e paure dipendono dal fatto che diciamo anche noi “Chi è costui”?

Abbiamo in molti smesso da tanto tempo di domandarcelo, di accostarlo, di metterlo al centro della nostra vita: qui non si tratta di andare a scoprire una idea nuova su Dio o capire una dottrina difficile, impossibile, ma soltanto affidarci, credere alla persona di Gesù, che è la potenza di Dio.

30 Gennaio 2021
+Domenico

Pubblicato da

+Domenico

Domenico Sigalini (Dello, 7 giugno 1942) è un vescovo e giornalista italiano, Vescovo emerito della sede suburbicaria di Palestrina. Una Biografia più esaustiva è disponibile su Cathopedia all'indirizzo https://it.cathopedia.org/wiki/Domenico_Sigalini

Rispondi