Abbiamo Dio per padre

Una riflessione sul Vangelo secondo Matteo (Mt 6, 7-9) dal Vangelo del giorno (Mt 6, 7-15) nel Martedì della prima settimana di quaresima

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Pregando, non sprecate parole come i pagani: essi credono di venire ascoltati a forza di parole. Non siate dunque come loro, perché il Padre vostro sa di quali cose avete bisogno prima ancora che gliele chiediate.
Voi dunque pregate così:
Padre nostro che sei nei cieli …

Audio della riflessione

Dicono le statistiche che un giovane su cinque prega ogni giorno: un giovane si e quattro no, ogni giorno, sente importante rivolgersi a qualcuno che non vede, non tocca, non sente, non è manipolabile come tutto quello che ci circonda e gli affida qualcosa della sua vita … un sogno, una domanda, un grazie, una richiesta, una preghiera, insomma.

E’ per scaramanzia, come portarsi un portafortuna in tasca? E’ per abitudine, è per fede, è per bisogno o disperazione dopo averle tentate tutte … o è per gioia incontenibile? Sta di fatto che ti affiora alle labbra o alla mente una preghiera, un atto di affidamento, un dialogo semplice, magari fatto di monosillabi o di formule mandate a memoria che vogliono “bucare” la tua vita, spesso piatta, per forare il cielo.

E’ un bisogno molto umano, ma non sempre si è capaci di tradurlo in qualcosa di bello, di non petulante, di tuo, di gioioso, e di vero.

Gesù aveva davanti proprio uomini in questa difficoltà quando si sente dire “Insegnaci a pregare. Ti vediamo così bello e felice quando preghi, stai ore e ore con un volto così disteso e sereno che ci fai invidia. Noi non ne siamo capaci, non siamo capaci di pregare, ci stanchiamo di formule senza senso … quelle che ci hanno insegnato in sinagoga non ci danno la gioia che hai tu sul volto.”

E Gesù insegna loro “quando pregate dite: padre nostro”, insegna a chiamare Dio col nome bellissimo di Papà, abbà, un nome che da solo cancella tutte le distanze, le paure, le bestemmie che noi senza senso tante volte diciamo.

Dio è un papà di quelli veri, di quelli che si spendono per la famiglia, di quelli che sanno perdere tempo e giocare con i figli, di quelli che fanno di tutto per mettere pace, di quelli che danno forza, che ti sostengono anche con un rimprovero, con uno sguardo duro, ma che non ti mollano mai, non ti lasciano solo, sanno aspettarti al ritorno dalle tue stupide avventure e sono disposti a ricominciare.

E tu gli dici che vuoi fare quello che vuole lui, perché sai che per te desidera il massimo, che sogni un mondo bello come piace a lui, gli chiedi di avere ogni giorno quello che ti è necessario nella vita, ed è tale la stima che hai per lui che vuoi diventare capace di perdono, come lo è Lui per te.

Una preghiera così apre il cuore alla speranza.

Ma questa speranza so dove trovarla?

23 Febbraio 2021
+Domenico

Pubblicato da

+Domenico

Domenico Sigalini (Dello, 7 giugno 1942) è un vescovo e giornalista italiano, Vescovo emerito della sede suburbicaria di Palestrina. Una Biografia più esaustiva è disponibile su Cathopedia all'indirizzo https://it.cathopedia.org/wiki/Domenico_Sigalini

Rispondi