Si meravigliava della loro incredulità

Una riflessione sul Vangelo secondo Matteo (Mt 13,53-58)

Audio della riflessione

L’esperienza nella fede in Gesù deve sempre sentirsi provocata al cambiamento. Ti credi di essere riuscito a inquadrare la figura di Gesù nel tuo corretto modo di pensare, in uno schema di comprensione che a tutti è necessario per capire la realtà e invece ti sei fatto un’immagine tutta tua, comoda, in difesa, acquietante.

I concittadini di Gesù, gli abitanti di Nazareth vivono questa provocazione. Hanno sentito che Gesù sta spopolando nelle contrade vicine. È partito dal loro paese con una decisione radicale, si è spostato sulle vie del lago dove la gente sviluppa i suoi affari, la sua vita sociale, i suoi lavori artigianali. Ha predicato, ha fatto miracoli, ha trascinato nella sua avventura gente matura, giovani, persone per bene. Ora ritorna a Nazareth. Se fosse uno che ha studiato o praticato una vita di preghiera di penitenza, di controllo su di sé, una sorta di santone, avrebbe le carte in regola perchè potessero  interessarsi di lui. Ma come può Dio manifestarsi in questo uomo, normale e ordinario?!

 Noi vorremmo essere simili a Dio, come lo immaginiamo noi; ma non accettiamo Dio che si fa simile a noi. Vorremmo Lui e noi diversi da quello che siamo. Questo non è accettare la realtà; che è proprio l’origine del male. Accettare o meno la sua umanità è accogliere o non accogliere il dono di Dio. In lui abita corporalmente tutta la pienezza della divinità. Ma la cosa che sorprende ancor di più è la umanissima sorta di “crisi” che  assale Gesù: si meravigliava della loro incredulità, della loro incapacità a forare la crosta dell’umano, del quotidiano per vederci spiragli di infinito. Gesù è di fronte al mistero della libertà dell’uomo. Il messaggio del Vangelo non si impone, ma si offre; Dio non vuole far violenza alla libertà dell’uomo. Questa meraviglia di Gesù è espressione della logica di Dio che si abbassa al livello dell’uomo. La logica di un Dio “debole” che deve diventare la logica della Chiesa e di ogni credente.. E Gesù non cede col metodo  tutto miserevolmente umano che piacerebbe a noi di fare, cioè usare i miracoli per costringerli a credere. I suoi  miracoli sono sempre un premio a chi si affida, a chi fa almeno un passo nel rischio di credere, che è anche un passo che ci auguriamo tutti di fare nel nostro rischioso mestiere di vivere.

31 Luglio 2020
+Domenico

Un cuore umano per il discernimento del bene e del male

Una riflessione sul Vangelo secondo Matteo (Mt 13, 47-53)

Audio della riflessione

La rete raccoglie pesci buoni e pesci cattivi: la rete è una icona del Regno di Dio.

Il regno aggrega tutti senza discriminazione: la chiesa, che ne è una immagine, non sceglie chi è bravo, chi è bello, chi è buono, non nega la fraternità a nessuno.

Nella nostra stessa interiorità  ci troviamo a dover fare i conti con una serie di doppi pensieri, di cui ci vergogniamo e che ci vengono alla coscienza non si sa da quale sorgente: nella  nostra famiglia convivono bene e male, nella  nostra comunità cristiana ci sta il buon seme e il seme cattivo.

La tentazione da affrontare immediatamente è quella dello sradicare il male, per poter avere omogeneità di vite, di pensieri, di tensioni: occorre sradicare, purificare, togliere le mele marce, distruggere, fare piazza pulita, bruciare la terra sotto i piedi al nemico.

Spesso ci assale un santo zelo di purificazione, di pulizia interiore, di ordine esteriore, di cose al loro posto, e vorremmo che la famiglia, la comunità cristiana fosse pura, senza difetti, ma i maggiori disastri derivano proprio dal tentativo di eliminare le persone ritenute cattive: è la teoria della violenza sacra che “a fin di bene” compie somme ingiustizie, perché la chiesa non dev’essere una setta di puri.

Il male è nella nostra stessa vita, non nella vita di quello che abita a due isolati, non al di là del muro, non in oriente, se noi siamo a occidente, non nei Sud del mondo, se noi siamo al Nord, viene nel nostro mondo, nella nostra interiorità, nella nostra famiglia, nella nostra comunità.

Non siamo nati oggi, abbiamo alle spalle i tanti disastri che si sono compiuti nella storia dell’uomo con questo sacro furore, irresponsabile, esteriore dell’andiamo a strappare.

Le radici del male sono troppo forti, sono troppo intrecciate con il bene, con la vita;  per cui devi inventare non un sacro furore, ma mettere in atto la misericordia: non è la spietatezza, né l’accondiscendenza che risolve i problemi della compresenza costante di bene e male, ma la capacità enorme che Dio ha dato all’uomo di vincere il male con il bene, perché la presenza del male accanto al bene, rende più vero il bene, più cosciente l’uomo di aver bisogno di Dio, più convinto che è solo con l’aiuto di Dio che possiamo vivere una vita bella, beata e felice.

Se Dio ha fatto il mondo bello, il male è l’occasione per renderlo migliore, il presente è sempre il tempo della pazienza, che – ricordo sempre – essere figlia della fede e sorella della speranza: nasce dalla fede e si accompagna familiarmente alla speranza.

La comunità cristiana – dico sempre – non è una setta di puri, ma nemmeno una banda di malfattori: la misericordia è verso l’altro, verso di noi ci vuole vigilanza e discernimento, sforzo continuo di fedeltà alla parola e disponibilità a fare la volontà di Dio. La misericordia non è da imputare a se stessi per vivere nelle dissolutezza, per garantirci la nostra impunità nel male. Anche questo convivere con il male è il prezzo della libertà che Dio vuole assolutamente garantire ad ogni persona.

30 Luglio 2020
+Domenico

Ne setta di giusti, ne banda di malfattori

Una riflessione sul Vangelo secondo Matteo (Mt 13, 36-43) 

Audio della riflessione

Ad ogni giornale radio ti si presentano due immagini chiare, e qualcuna piuttosto sfalsata che non vuole o non sa collocarsi: gente che vive serenamente la sua vita e compie anche gesti di generosità, e gente che fa solo cattiverie e non tollera l’altra o l’altro da se, e compie azioni assurde e pure criminose.

In mezzo ci sta la leggerezza di chi “vivacchia”: un vivere senza grinta e l’esigenza di un quieto vivere che si può chiamare adattamento.

Il Vangelo dice che alla fine dei tempi brilleranno due fuochi: quello del male, che chiama zizzanie, che bruciano come scarti, immondizie, rifiuti e quello del bene, delle persone sagge e giuste che splendono come il sole.

In mezzo non si può stare a guardare: occorre prendere parte alla vita regalata da Dio e farla crescere nel bene e non lasciarsi trascinare dal male.

Al di sopra ci sta Dio che ci invita ad  avere grande comprensione per tutti, perché Dio è grande nel perdono e nella misericordia.

Ci nasce una domanda però: mettere sempre davanti il perdono non è invitare ogni persona a fare solo ciò che piace, a non dare contributi positivi alla vita di tutti, e magari anche convincerci che si può pure fare del male impunemente? Sarebbe come se ai nostri genitori che ci vogliono un bene dell’anima e non si vendicheranno mai di noi, saranno sempre comprensivi, come quando eravamo piccoli e nessuno di noi ha dubitato che ci volessero bene e noi ci mettessimo a maltrattarli!

Dio ci stimola alla pazienza, che, ricordo, è sempre figlia della fede e sorella della speranza! Noi non dobbiamo mai giudicare gli altri per non essere giudicati, dobbiamo usare misericordia per ottenere misericordia; se la nostra comunità cristiana non è una setta di giusti, non è nemmeno una banda di malfattori!

Misericordia verso l’altro, ma vigilanza, discernimento, giudizio e conversione continua per noi; la misericordia è una esigenza di purificazione più bruciante di qualunque legge: non c’è posto per immoralità o lassismo, torpore o tiepidezza, ogni patto d’amore è impegno ad amare.

Nella Chiesa e nel mondo ci saranno sempre zizzanie e buon seme: se il mondo è il luogo deve abita il regno di Dio, impiantato da Lui e la Chiesa ne è una immagine, questo regno resta aperto a tutti gli uomini, suoi fratelli.

Il futuro sarà solo per i figli, quelli che sono diventati come Lui.

Ne abbiamo di strada da fare, ma non bisogna mai perdere il punto di arrivo. L’attuale dilagare del male, che possiamo chiamare superbia, insincerità, sopruso, imposizione forzata, giudizio su tutti e su tutto … se non diventa una bella opportunità per crescere nella misericordia si fa connivenza con il male e raffredda l’amore di molti.

Chi fa parte della Chiesa non può pensare di essere già nel Regno di Dio Padre, lo è solo se si fa sempre di più figlio, facendosi fratello di tutti, nessuno escluso.

28 Luglio 2020
+Domenico.

Il Regno di Dio non sta nell’audience, nei soldi, nei followers

Una riflessione sul Vangelo secondo Matteo (Mt 13, 31-35)

Audio della riflessione

La nostra società è tentata sempre di cose grandi e di sentimenti forti: una grande riunione di massa, uno stadio pieno, una vittoria al mondiale, un dramma coinvolgente, sentimenti violenti e inaspettati, successi chiari e senza dubbi … siamo stati un po calmati dalla pandemia ma queste sono le tentazioni che abbiamo sempre.

Invece la nostra vita quotidiana si svolge tra una sequenza che ci sembra interminabile di ore normali, di gesti semplici ripetuti fino alla noia, di abitudini, di andate e ritorni, di levate mattutine troppo presto e di rientri notturni: ogni giorno occorre preparare il pranzo, rigovernare la casa, aprire e chiudere il cantiere, sistemare il negozio, far uscire e rientrare l’automobile, addestramento, rapporto, uscita, stesura di moduli, domande, code agli uffici … per fortuna che tante cose le facciamo senza pensarci altrimenti ci assalirebbe una noia mortale.

Ma è tutta qui la nostra vita?

Gesù dice che il regno dei cieli, il meglio della vita, il suo segreto, la sua grandezza, sta in un piccolo seme, gettato in un campo: è qualcosa che nessuno nota, che spunta indifeso, che rischia di essere calpestato da tutti, ma che ha in se una forza e una destinazione incoercibile. Diventa albero contro tutte le apparenze.

Il regno dei cieli è come un pizzico di lievito, qualcosa di invisibile, ma che movimenta tutta la pasta, il pane si raddoppia, la torta ancora di più.

Nella nostra realtà quotidiana Gesù ha messo tutta la forza per farla diventare la nostra felicità: occorre guardarci dentro, non lasciarci trarre in inganno dalle cose grandi, chiassose, forti e violente.

Dio agisce nella storia quotidiana, nasconde nei nostri passi giornalieri la sua forza e costruisce il mondo con la nostra povera, piccola, tenue, debole vita.

E’ interessante vedere come da piccoli paesi, da borgate disperse sulla montagna senza orizzonte o nelle pianure senza confini, nascono persone che cambiano il mondo, uomini e donne che lievitano la realtà e la portano a pienezza.

Dietro questi personaggi, ci sono stati una mamma, un papà, un prete, un insegnante, un nonno, una zia, che hanno amato nel silenzio, hanno voluto bene, si sono sacrificati, hanno scritto nella vita quotidiana un amore, tenace e pieno: non hanno bisogno di apparire, basta loro essere se stessi.

Dio mette in ogni persona un piccolo seme, un poco di lievito.

Non siamo stati fatti in  serie: per ciascuno Dio ha messo a disposizione la sua vita, il suo amore, la sua forza, ci ha messo il suo sangue fino all’ultima goccia; non teme piccolezze da seme, ma piccinerie di vedute; non teme invisibilità da lievito, ma mediocrità di vita.

Ecco, la speranza del mondo di Dio sta nella semplicità di una decisione, che è quel piccolo seme che si porta dentro la forza incoercibile di Dio, e Dio non si spaventa del nostro scomparire come il lievito, basta che non sia indifferenza, ma dono totale di se.

27 Luglio 2020
+Domenico

Si può ancora provare entusiasmo per la fede?

Una riflessione sul Vangelo secondo Matteo (Mt 13, 44-52)

Audio della riflessione

Il miraggio di un colpo di fortuna, dell’affare straordinario, colpisce sicuramente tutti una volta o l’altra nella vita: è capitato forse anche a noi di fare il turista sprovveduto che nelle aree di servizio dell’autostrada si fa rifilare un mattone ben confezionato dopo che gli hanno presentato in tutti i particolari una cinepresa o videocamera a prezzi stracciati … oppure è l’agricoltore che viene abbindolato a impegnare tutti i suoi soldi sul valore straordinario di un francobollo o di un quadro falsificato alla perfezione.

Insomma, fa parte della nostra vita, è scritta nel suo DNA l’attrazione irresistibile verso qualcosa o qualcuno che si intuisce fonte di gioia, capace di appagare desideri e di liberare felicità.

È l’esperienza cui si rifà Gesù per spiegare il fascino del regno di Dio e i dinamismi che questo deve scatenare nella nostra esistenza: un uomo ha trovato, in un campo che non è suo, un tesoro e un mercante è riuscito a mettere gli occhi su una perla di inestimabile valore … Non stanno più fermi, non si danno pace finché non possono mettere le mani su tesoro e perla: hanno una gioia nel cuore, una attrazione fatale – mi viene da dire – che riempie la loro vita; vendono tutto con la caratteristica dell’urgenza e dell’immediatezza, si distaccano da quello che prima era la loro comoda tranquillità, routine, abitudine, spesso noia di un’attesa adattata, rischiano il tutto per tutto e comperano campo e perla.

Sono stanchi di stare ad aspettare, a pensare che solo con un lavoro quotidiano riescono a dare una svolta alla loro vita. Tanti altri loro amici vivono una vita senza slanci e senza grandi soddisfazioni e sono sempre allo stesso punto.

Noi vogliamo dare una svolta a questa esistenza perché ci sentiamo in corpo che abbiamo energie e sogni: abbiamo forze e desiderio di realizzarli.

Il solito sognatore tu – gli avrà detto la moglie, o il marito se era una donna – ti lasci sempre prendere dalla novità. Ma sta un po’ tranquillo! Che cosa vuoi di più dalla vita? Accontentiamoci. Non siamo nemmeno mediocri.

Magari ha pure detto: che vai a fare in Chiesa o in parrocchia? Sta qui con me e con i tuoi figli e datti una calmata. La vita una calmata ce la dà sempre da sola. Di là però c’è il tesoro e là ci va ormai il cuore.

Questo è il regno di Dio: è aver scoperto la pienezza della vita, provare gioia e non badare a spese per raggiungerla. Trovano, vanno, sono pieni di gioia, vendono e comprano.

E Se Dio ci facesse questo regalo di entusiasmarci di Lui, almeno qualche volta?

Sono i verbi della vita di Gesù: è afferrato dalla bellezza del Regno del Padre, pianta tutto e parte: ci sarà la croce, ma la gioia dell’abbraccio del Padre, del suo disegno di amore sconfinato è più grande.

Noi, i cristiani, non siamo gente che sta a penare perché deve vendere e lasciare, ma persone entusiaste, che non stanno nella pelle perché si sono lasciati affascinare da Gesù: la radicalità del distacco da tutto il superficiale è solo il risvolto della appartenenza gioiosa a Gesù.

26 Luglio 2020
+Domenico

La parola seminata in abbondanza deve trovare accoglienza esagerata

Una riflessione sul Vangelo secondo Matteo (Mt 13, 18-23)

Audio della riflessione

La parola di Dio viene spalmata a piene mani su ogni terreno, e arriva anche su un terreno fecondo, ma pure in esso possiamo porci in ascolto in vari modi per viverla.

Quando ascoltiamo la parola, la Parola di Dio, in parte la sentiamo e non la intendiamo, i pensieri soliti ci rendono impenetrabili all’ascolto: in parte la sentiamo e la accogliamo con gioia, ma le pressioni interne e esterne, impediscono che si radichi e cresca; in parte la lasciamo anche radicare e crescere, ma poi resta soffocata dalle preoccupazioni, dall’inganno della ricchezza, che come rovi, sempre ci seppelliscono; in parte però siamo anche terra bella, che produce frutto.

Ci riconosciamo in questi vari terreni? Vediamo le ovvietà che rendono impenetrabili all’ascolto, le paure che fanno diventare il cuore di pietra, gli egoismi che soffocano l’amore alla verità, intuita, ma non più cercata?

Ma Gesù, nonostante le difficoltà che si incontrano, afferma la certezza del risultato: la sua Parola è sorprendente per i frutti che sa portare, entra nello spessore del male del nostro cuore per convertirci e guarirci.

Il frutto è sempre dono di Dio: è lui stesso che si dona, Lui è il seme e noi il suo campo.

Siamo chiamati a riconoscere le nostre resistenze, e chiediamo a lui di ottenere libertà da esse e così essere in grado di accogliere quello che Lui ci vuol dare: dovremo mettere in conto che occorre superare il buon senso, che spesso ci adatta al ribasso e impoverisce ogni progettualità impegnata e libera, riuscire anche a dare un nome alle nostre paure nascoste, le riserve che abbiamo sempre rispetto a un mondo, quello di Dio, di cui bisogna fidarsi e a cui affidarsi.

Se prevale la mondanità, il ridurre tutto al “politicamente corretto” ci toglie ogni minimo slancio di entusiasmo.

La Parola di Dio è come una spada a doppio taglio che penetra nel nostro esistere e divide il bene dal male: è potente, non può tornare a Dio senza aver operato ciò per cui è stata mandata, è già potente e operante in se stessa! E’ un segno di grande amicizia, perché Dio ha deciso da sempre di parlare agli uomini come ad amici.

Non è frutto delle nostre pensate, ma un dialogo che ci dona Lui stesso: Dio non butta mai parole a caso, ma ciascuna è tenerezza e potenza sua, e noi siamo continuamente invasi, attorniati, scaldati, vivificati, rinforzati, fatti crescere, santificati, salvati dalla sua Parola, perché la sua Parola è soprattutto Gesù.

24 Luglio 2020
+Domenico

Pazienza figlia della fede e sorella della speranza

Una riflessione sul Vangelo secondo Matteo (Mt 13, 24-43)

Audio della riflessione

La parabola della zizzania ci aiuta a capire il perché della compresenza nel regno di Dio annunciato da Gesù, di semi di bontà autentica, ma anche di semi di realtà decisamente cattive.

La domanda che ci facciamo sempre è “se Dio è buono perché c’è ancora tanto male nel mondo?”

L’aspettativa è che alla venuta di Gesù, questo mondo avrebbe dovuto cambiare, invece ci troviamo a fare i conti con tutte le possibili malizie che l’uomo inventa, le sue brutture, la sua incorreggibilità forse … 

Gesù dovrebbe aver fatto subito piazza pulita, mettere a posto le cose sbagliate e più evidenti. Invece tutto è come prima, e i primi ad accorgersi sono i discepoli di Giovanni, che non era stato tenero contro l’ipocrisia, contro i comportamenti errati di tante persone, di categorie diverse. Parlava di vento che spazza l’aia dalla pula e di fuoco che la brucerà.

L’atteggiamento di Gesù invece è di non dividere i buoni dai cattivi, i giusti dagli ingiusti, ma di proporre un atteggiamento nuovo: non abbandonare i peccatori e far sperimentare loro la grande misericordia di Dio.

Dio sarà l’autore della presenza del male, ma sarà sicuramente impotente a toglierlo, dice qualcuno. Invece – buon per coloro che sono più cattolici del papa – che Gesù abbia detto che il seme cattivo l’ha deposto il nemico, altrimenti metterebbero anche Dio alla sbarra.

Ma questa situazione la troviamo anche nella chiesa: perché trionfa il peccato anche nella chiesa? Una risposta lapidaria a questo nostro smarrimento è la pazienza, virtù delicata, difficile e molto assente ai nostri tempi.

La pazienza non è l’indifferenza di fronte al male: nessuna confusione tra bene e male, nessuna rassegnazione se il male continua ad avanzare, non è uguale il carnefice e la vittima. Intanto guardiamo quanto bene c’è e perdura nonostante tutto. Se perdiamo questo modo di vedere tra noi, sicuramente lo vediamo tutto dall’altra parte e diveniamo intolleranti.

La pazienza è figlia della fede e sorella della speranza.

Il male nel mondo è dato dal cattivo uso della nostra libertà, dalla nostra debolezza che non sa orientarsi al bene. La nostra vita è un grande campo di grano in cui attecchisce anche l’erba cattiva che prende linfa nei nostri cuori.

Dio è pieno di misericordia. Lascia che crescano assieme; diamo un’altra possibilità di cambiare, di orientarsi alla bontà; solo alla fine si farà il giudizio, e allora Dio interverrà. Per ora dobbiamo convivere con il peccatore, pure dentro di noi, anche se prendiamo tutte le distanze dal peccato.

Questo grano siamo noi, con i nostri pregi e difetti. Anche noi ci troviamo intrisi di bene e di male. Diceva San Paolo, colgo l’attrazione verso il bene, ma in me vince spesso la forza del male.

L’inizio della conversione, del cambiamento è proprio uno sguardo misericordioso su di noi: è accettare che soltanto Dio è capace di cambiare anche il nostro cuore e che occorre sempre un amore senza condizioni per cambiare.

Nella storia i maggiori disastri li hanno compiuti quelli che volevano estirpare il male e piantare un mondo solo di buoni. Non posso dimenticare quanto diceva papa Ratzinger: “meno male che esiste questa parabola della zizzania, perché almeno posso starci anch’io nella chiesa”.

Questa visione di fede genera allora speranza per una incrollabile fiducia della vittoria del bene sul male.

19 Luglio 2020
+Domenico

Non facciamoci rubare il futuro: rischiamo con una grande semina!

Una riflessione sul Vangelo secondo Matteo (Mt 13, 1-23)

Audio della Riflessione

I nostri nonni ci raccontavano questo: all’inizio del secolo scorso, dopo anni di
scarsissimo raccolto, si erano ridotti a penosa assenza di grano da seminare; non lo potevano fare i grandi proprietari e ancor meno i piccoli agricoltori. Il parroco, molto d’accordo, anzi stimolando i dubbiosi, aveva messo assieme quei tre o quattro
possidenti di un paese – e questo avvenne per molti paesi della nostra pianura padana – per fare un semplice ragionamento: “Oggi nessuno può seminare, voi avete quattro soldi: comperiamo le sementi per tutti, gliele diamo a fondo perduto, sappiamo di rischiare, ma se tutti semineranno e seguiranno il loro lavoro avremo un ottimo raccolto e ne guadagneremo tutti! Voi riavrete la semente che avete regalato, le loro famiglie potranno vivere del loro lavoro e ci sarà futuro per tutti.”

Fu un successo: ciascuno riebbe i soldi che aveva speso, e tutti poterono migliorare la loro vita; nacquero addirittura le banche cooperative e si guardò al futuro con una speranza certa.

Ecco, non intendo fare lezioni di economia evidentemente, ma solo dire che la semina di Dio non ha mai patito questi pericoli! Dio è proprio un seminatore di grandi vedute: La sua semina è talmente generosa, e sempre, che non bada nemmeno al terreno su cui cade, anzi sfida anche i sassi, i rovi, il terriccio, i cordoni del terreno; ha semente per tutti: nessuno deve dire a me è mancata la semente per cui ho dovuto patire la fame.

Che è questa semente che Dio sparge a larghissime mani, con esagerata generosità ovunque? E’ la sua Parola! La Parola di Dio non ci manca mai, non ci manca proprio. Volete che Dio stia a tenersi la sua parola per paura di qualcuno che non ha voglia di accoglierla o di farla crescere o di lavorarla?!

Siamo noi allora che dobbiamo vedere che farne della semente, non lui
a risparmiarsi; ed ecco allora come ci disponiamo di fronte alla Parola di Dio:
ci sono quelli che vivono di buon senso, a loro va bene solo quello che pensano loro,
sono refrattari a quello che dice Dio perché loro dicono di saperlo già, ma non fanno
niente.

C’è chi si rende conto della difficoltà ad ascoltare la parola di Dio, perché
ha i suoi criteri: non se ne cura vive sempre dei suoi luoghi comuni. Lui ascolta, ma
prevale il suo buon senso, non osa reinvestire, si fa una piccola rendita e si accovaccia: E’ come la strada di sassi.

C’è chi ha deciso di accogliere la Parola, ma ha un sacco di paure, non vuol osare e la seppellisce nei suoi dubbi: è pietrificato da tutte le paure possibili.

Uno invece vi si accosta molto volentieri, ma si lascia prendere dalla
seduzione dell’avere di più, non è mai contento; usa solo per se quel che ricava, si
sotterra nel suo egoismo.

Altri invece sono felici di accogliere: non pensano che sia solo un regalo da godere, ma da far fruttare, e si mettono al lavoro, e vedono che la Parola fa frutti per lui, per la famiglia, per il mondo del suo lavoro per la comunità più grande; stima la Parola di Dio, vi si ispira, cambia vita, e fa cose importanti anche per altri.

Di fronte a questo grande seminatore siamo tutti chiamati a renderci conto che
abbiamo un sacco di resistenze a quello che ci dice Dio, e dobbiamo chiedere che il
Signore ce ne liberi
, e così poter accogliere quello che lui ci vuol dare.

12 Luglio 2020
+Domenico

San Giuseppe Lavoratore: primo maggio, festa del lavoro

Una riflessione sul Vangelo secondo Matteo (Mt 13, 54-58)

Audio della Riflessione

Primo Maggio, festa del lavoro, inizio del mese della Madonna: ricordiamo San Giuseppe.

Da buoni cittadini italiani, non vogliamo nella nostra esperienza ecclesiale snobbare una festa civile: oggi è festa del  lavoro, e da sempre in questa giornata la Chiesa ha voluto fare memoria – nella Messa – dell’esperienza semplice, quotidiana, faticosa di un lavoro con cui Gesù si è misurato, necessario per vivere concretamente la vita dell’umanità, una incarnazione vera. 

Aveva imparato a guadagnarsi da vivere da san Giuseppe, se i Vangeli lo ricordano come il figlio del carpentiere: da ragazzo non giocava soltanto, non viveva facendo passerotti di creta da far volare miracolosamente, come dicono alcuni Vangeli apocrifi. 

Gesù torna nella sua patria, dove era cresciuto, dove era stato per trent’anni, dove aveva fatto il falegname; Gesù aveva imparato ad affrontare il rischioso mestiere di vivere che tocca ad ogni uomo e donna: la fatica, la quotidianità, la ripetitività, le relazioni, le scoperte, le incomprensioni; insomma tutto ciò che avviene in un paese e che avviene in ogni paese, l’ha vissuto pure lui: ha vissuto quelle cose che noi cerchiamo di schivare, o per lo meno non apprezziamo, perché non hanno  significato, e sono la quotidianità.

Importantissimi quei trent’anni invece! Ed entra nella sinagoga, dove ha imparato a leggere, a scrivere, ha imparato la Parola di Dio, è cresciuto, dove ha tutti i suoi ricordi, i suoi compagni, e la gente rimane stupita e alla fine lo rifiuta.  

Noi diciamo spesso “gli oscuri anni di Nazareth”, anche perché nei confronti di Gesù abbiamo ancora la stessa mentalità dei suoi compaesani: anche noi non capiamo perché Gesù ha vissuto la maggior parte della sua esistenza, in un paese anonimo, in un’esistenza incolore, con millenni di attesa, secoli di preparazione e arriva il Messia, e per trent’anni: niente. Non fa, non dice nulla che non sia “strettamente normale”. 

Quando il vangelo ci dice che lui è il figlio del carpentiere, ci fa capire che era subentrato nel lavoro del padre; non è un lavoro qualificato: aggiustava gli attrezzi, gli utensili da lavoro, costruiva pezzi che potevano rimettere a posto mobili disfatti; viveva – insomma – lavorando per altri.

Gli “oscuri anni di Nazareth”, sono una rivelazione del modo con cui Dio si inserisce nel nostro quotidiano e lo vive in un modo diverso: dà un grande significato positivo, profondo al lavoro quotidiano; il lavoro è il cantiere allora del Regno di Dio: è in esso che la persona si “allena”, si forma al senso della vita, della collaborazione, della solidarietà, della concretezza, dell’approfondimento della sua umanità, della sua dignità.

Quanto siamo ingiusti se lasciamo la gente senza lavoro: le viene a mancare, oltre che la possibilità di vivere, la stessa dignità umana.

Oggi che l’epidemia forse sta mollando la presa, ci lascia un grande impegno per tutti e per le istituzioni: ridare e offrire un lavoro dignitoso per tutti. 

E’ un compito che ci deve vedere impegnati tutti, da persone e da cristiani. 

1 Maggio 2020
+Domenico