Basta aspettare! occorre partire e cominciare

Una riflessione sul Vangelo secondo Matteo (Mt 4, 12-17.23-25)

Audio della riflessione

Da bambini i nostri genitori per prepararci ad andare a scuola con impegno dopo le vacanze belle, coinvolgenti, piene di fatti interessanti: il Natale, i presepi, l’ultimo dell’anno, gli amici, le tavolate in cui ci ritagliavamo i nostri momenti di divertimento in attesa del dolce, mentre gli adulti continuavano a mangiare, ci dicevano che “l’Epifania tutte le feste le porta via”.

Il 7 gennaio è sempre stato un momento anche bello e lo vogliamo sperare anche quest’anno: auguriamo ai ragazzi e ai giovani di tornare a scuola di presenza per dare libertà alla propria voglia di stare con gli amici, di mettere la pandemia davanti e non addosso, attenti, ma non succubi, mascherati, ma con occhi che sprizzano vita, distanti, ma non ignorati e autocentrati.

Auguriamo ai lavoratori di riprendere con dignità il proprio lavoro, disposti ad aggiornarsi continuamente …

Mai come quest’anno – forse – abbiamo sperato che la fine delle vacanze diventasse una rinascita: c’è bisogno di qualcosa di nuovo che riempie la vita di un ideale! Anche il cristiano medio, neanche troppo addentro al mondo ecclesiale, sente che un cristianesimo “slavato” come spesso lo si vive, una esperienza di fede ridotta a qualche medaglietta e acqua santa, un rapporto con gli altri cristiani insignificante come l’abitudine al colore delle pareti, non ha proprio nessun senso: è necessario un colpo di reni.

Era forse questo, anche se più in profondità, quello che si percepiva tra la gente quando Gesù ha lasciato sua madre, la sua piccola comunità di Nazareth ed è andato a seguire le parole di fuoco di Giovanni il Battista.

C’è una parola d’ordine efficace, forse anche pericolosa per l’ordine esistente, per lo squallore con cui ci si trascina nella religione ufficiale: “Il regno di Dio è qui! È alla porta; non potrebbe essere più vicino. L’attesa è finita! Dio è vicino, c’è, è alle porte, non c’è più spazio per la noia. Convertitevi.”

Ecco ci risiamo. Un altro invito morale a comportarsi meglio, a fare i buoni, a mangiare di meno, a mortificare la gola, a sopportare di più … No! non è questo il punto di cui abbiamo bisogno, è Gesù di cui abbiamo bisogno!

I primi a capirlo e a invertire, convertire la loro strada sono gli apostoli: abbandonate le reti lo seguirono.

Gesù non è più il giovanotto che condivide  una vita normale quotidiana come ogni persona al suo tempo: dà un netto taglio e si porta a Cafarnao, lì c’è il mondo che passa, è un crocevia di strade che vanno da Est a Ovest, da Sud a Nord, lì si incrociano le persone, le merci, i sogni, i progetti di vita.

Ha un messaggio da portare e decide di iniziare – diciamo noi – la sua vita pubblica, a far conoscere il segreto di Dio per la vita delle persone: è lui stesso la notizia decisiva, il vangelo, di cui sentiamo il bisogno, la novità.

E’ come se a noi appestati dal COVID-19 portasse non solo il vaccino e la distruzione definitiva della pandemia, ma molto di più, ci portasse il segreto di una vita felice e buona per tutti: questo è il Vangelo, e Gesù ci aiuta giorno dopo giorno a fare i passi giusti dietro a Lui.

7 Gennaio 2021
+Domenico

Subito e senza tentennamenti: Sant’Andrea

Una riflessione sul Vangelo secondo Matteo (Mt. 4, 18-22)

In quel tempo, mentre camminava lungo il mare di Galilea, Gesù vide due fratelli, Simone, chiamato Pietro, e Andrea suo fratello, che gettavano le reti in mare; erano infatti pescatori. E disse loro: «Venite dietro a me, vi farò pescatori di uomini». Ed essi subito lasciarono le reti e lo seguirono.
Andando oltre, vide altri due fratelli, Giacomo, figlio di Zebedèo, e Giovanni suo fratello, che nella barca, insieme a Zebedèo loro padre, riparavano le loro reti, e li chiamò. Ed essi subito lasciarono la barca e il loro padre e lo seguirono.
                               

Audio della riflessione

Si può stare giorni e giorni ad aspettare che la vita si risolva da sola, si può pensare che non c’è mai niente di nuovo sotto il sole e adattarsi a sopravvivere; si può invece tendere la vita a tutto quello che la realtà ci propone e cercare di capirne il mistero.

Talvolta è un amico, talvolta una situazione, spesso è una chiamata precisa, che ti si impone: così è capitato ad Andrea il fratello di Simone, mentre stavano pescando nel lago di Tiberiade … vita dura, tensione, attesa, delusione, sorpresa erano i sentimenti che si susseguivano ogni giorno nel loro lavoro.

Gesù li aveva osservati tante volte, e aveva capito che erano gente decisa, rotta alla fatica, resistente … e li ha chiamati perentoriamente, come spesso faceva Lui.

Seguitemi!

Non ha detto “vi andrebbe di… che cosa pensate se… chissà che possa esservi gradito…” Ha detto: “seguitemi, vi farò pescatori di uomini. Non siete fatti per stare a consumare la vita su queste barche, dentro questo lago, a gettare e ritirare reti. Voi siete fatti per un piano più grande, il piano di Dio che vi vuole decisi a coinvolgere gli uomini nella sua missione.

Aveva visto bene Gesù, aveva intuito che ci sono uomini che si lasciano prendere da ideali alti, da missioni impossibili: Gesù quando chiama a collaborare chiede il massimo, mai il minimo, anche se sa rispettare i tempi di crescita.

Andrea risponde immediatamente con un avverbio: subito, una decisione senza ripensamenti; lasciate le reti e un programma, lo seguirono. Gli andarono dietro, stettero con lui, si misero a condividere i suoi sogni oltre che i suoi passi. La vita è così; intercetta una chiamata e si butta a seguirla.

Il cammino che faranno sarà lungo e faticoso, non sempre lineare: difficoltà, scoraggiamenti, incomprensioni, gelosie, dubbi, domande saranno pane quotidiano, ma cambieranno la loro vita.

Andrea si immedesimerà nella missione di Gesù: porterà a lui altre persone, sarà attivo nella moltiplicazione dei pani, quando ha portato a Gesù quel ragazzo con i cinque pani e due pesci.

Darà la vita per Gesù: era stato lui a portare a Gesù il fratello Simone, aveva intuito che su Gesù si poteva scommettere, e gli aveva messo tra le mani la vita.

Quel pomeriggio era stato un gran pomeriggio, quella sera sul lago non c’era stata incertezza, calcolo, pronostici o tergiversazioni, ma decisione e fiducia, generosità e abbandono nella mani di Dio che avrebbe sicuramente sempre riempito la sua vita, senza mai abbandonarlo anche nel dono totale di sé, su una croce decussata a X come sempre viene rappresentata la morte di Sant’Andrea.

30 Novembre 2020
+Domenico