Essere cristiani non è rispettare un galateo, ma amare pure i nemici

Una riflessione sul Vangelo secondo Matteo (Mt 5, 38-48)

Se c’è una maschera intollerabile ai nostri giorni, è quella del perbenismo, del politicamente corretto.

Non bisogna stare da nessuna parte, possibilmente sempre in mezzo, cioè né di qua, né di là.

Non si deve offendere la sensibilità, non si deve esagerare, occorre tenere i piedi per terra, avere il senso della realtà, regolare la vita con il cosiddetto buon senso. 

Religiosi sì, ma non troppo; buoni sì, ma non sempre, altrimenti ti prendono per buono a nulla; convinti sì, ma non senza riserve, altrimenti passi per talebano; cristiani sì, ma trattabili su tutto e per tutti.  

La religione cristiana è vista come un galateo che regola la buona educazione: Essere educati in un tempo in cui  tutti si sforzano, e ci riescono troppo bene, ad essere zotici e villani, non è proprio un difetto, ma essere cristiani non è una atmosfera tiepida, non è un aggiustamento per andare tutti d’amore e d’accordo, non è fare la media dei comportamenti e collocarsi sempre in zona mediana.

Sono venuto per portare fuoco su questa terra e ardo dal desiderio che si accenda e bruci.

Il punto di arrivo dove è? Siate perfetti come il Padre vostro celeste che sta nei cieli.

Non è cosa da poco, Gesù non ci chiede il minimo, ma il massimo.  

Essere Cristiani non è adattarci alla media dei comportamenti delle persone per bene, ma essere in certo mondo trasgressivi. 

Non si tratta di dire tanti rosari al giorno, cosa del resto meritevole, ma di far sperimentare a tutti come l’essere credenti cambia veramente il modo di pensare, di vivere, di rapportarsi con tutti.

Amare gli amici, fare dei favori a chi ti vuole bene, essere cordiali con chi ti è simpatico, star bene con i buoni, invitare chi ti può a sua volta ricambiare è quello che fanno tutti; amare i nemici, porgere l’altra guancia, rimanere fedeli anche nella prova, amare i figli anche quando ti fanno soffrire, mettere in secondo piano le nostre difficoltà pur di salvare la famiglia, resistere nella fede anche quando non vediamo niente e ci sembra di essere abbandonati … Amare il marito o la moglie anche quando ti fanno soffrire, essere capaci di perdonare le offese..  ecco, questi sono gesti che si avvicinano all’essere cristiani.

Oggi o si è cristiani fino in fondo o non val la pena di esserlo. 

Solo una vita così porta speranza al nostro mondo appiattito.

Occorre però sapere dove sta la sorgente di questa speranza: in Gesù di Nazareth  

23 Febbraio 2020
+Domenico

Che ti dice di Gesù “la cattedra” da cui parla Pietro?

Una Riflessione dal Vangelo secondo Matteo (Mt 16, 13-19)

Abbiamo da poco riflettuto su chi è Gesù per ciascuno di noi.

Oggi il Vangelo ritorna a farci la stessa domanda fatta a Pietro, perché la sua risposta è unica, da quando Pietro venne a Roma come papa della Chiesa di Gesù.

C’è una cattedra, la sedia da cui chi ha autorità parla, incastonata nella pala della Basilica di san Pietro e sotto c’è un altare detto appunto della cattedra.

Indica una delle funzioni più importanti del papa: l’insegnamento della fede vera, del vangelo vivo, della verità della fede cattolica; e noi oggi vogliamo risentirci dire quello che papa Francesco dalla sua cattedra impiantata nel Sinodo dei giovani ci ha detto:

Contempla Gesù felice, traboccante di gioia. Gioisci con il tuo Amico che ha trionfato. Hanno ucciso il santo, il giusto, l’innocente, ma Egli ha vinto. Il male non ha l’ultima parola. Nemmeno nella tua vita il male avrà l’ultima parola, perché il tuo Amico che ti ama vuole trionfare in te. Il tuo Salvatore vive. Se Egli vive, questo è una garanzia che il bene può farsi strada nella nostra vita, e che le nostre fatiche serviranno a qualcosa. Allora possiamo smettere di lamentarci e guardare avanti, perché con Lui si può sempre guardare avanti. Questa è la sicurezza che abbiamo. Gesù è l’eterno vivente.  Aggrappati a Lui, vivremo e attraverseremo indenni tutte le forme di morte e di violenza che si nascondono lungo il cammino. Qualsiasi altra soluzione risulterà debole e temporanea. Forse risulterà utile per un po’ di tempo, poi ci troveremo di nuovo indifesi, abbandonati, esposti alle intemperie. Con Lui, invece, il cuore è radicato in una sicurezza di fondo, che permane al di là di tutto. San Paolo dice di voler essere unito a Cristo per « conoscere lui, la potenza della sua risurrezione » (Fil 3,10). È il potere che si manifesterà molte volte anche nella tua esistenza, perché Egli è venuto per darti la vita, «e la vita in abbondanza»  (Gv 10,10).  Se riesci ad apprezzare con il cuore la bellezza di questo annuncio e a lasciarti incontrare dal Signore; se ti lasci amare e salvare da Lui; se entri in amicizia con Lui e cominci a conversare con Cristo vivo sulle cose concrete della tua vita, questa sarà la grande esperienza, sarà l’esperienza fondamentale che sosterrà la tua vita cristiana. Questa è anche l’esperienza che potrai comunicare ad altri giovani. Perché “all’inizio dell’essere cristiano non c’è una decisione etica o una grande idea, bensì l’incontro con un avvenimento, con una Persona, che dà alla vita un nuovo orizzonte e con ciò la direzione decisiva ” 

22 Febbraio 2020
+Domenico

La croce è strada difficile, ma certa, sicura

Una riflessione sul Vangelo secondo Marco (Mc 8, 34-9,1)

E’ bello camminare nella vita, è bello avere davanti una strada che percorri con sicurezza, che hai deciso di intraprendere; dopo non pochi tentennamenti ti si è fatto chiaro nella coscienza dove vuoi arrivare e ti metti in cammino; è bello non stare fermi ad aspettare che gli eventi ti cadano addosso, ma è ancor più bello sapere che su questa strada c’è qualcuno che ti precede e che tu continuamente vedi davanti a te e ti dà forza, ti stimola a non fermarti, continua a chiamarti, ti esorta a continuare.

Gli vai dietro convinto che quella è la strada.

Gesù proprio così dice: <<chi vuol venire dietro a me>>.

Il cristiano è colui che va dietro a Gesù, che lo segue, che si mette nel solco dei suoi passi, nella strada da lui aperta, nella direzione che lui tiene con decisione.

Il cristiano risponde alla sua chiamata: vieni, seguimi.

Questo verbo lo ripete spesso a chi incontra per strada, seguimi, seguitemi, non lascia a se stesso nessuno.

Seguire Gesù è anche far decidere a Lui la meta, è fidarsi del suo progetto, è inscrivere nei nostri pensieri, nelle nostre attese la sua visione del mondo, il suo rapporto intimo con il Padre, la vocazione trinitaria che lo ha mandato su questa terra.

Ci dobbiamo decentrare da noi, dal nostro criterio di verità e di bene, dalla nostra sicumera, dallo stesso orgoglio che spesso ci mette contro Dio e collocarci con fiducia dietro di Lui.

Rinnegare se stessi per seguirlo, non è annientare la bellezza della coscienza, dell’intelligenza, dell’amore che Lui ci ha dato, ma toglierci dal centro in cui continuamente ci collochiamo, per mettere Lui, la sua vita, il suo vangelo, il suo progetto di salvezza, la sua passione per gli uomini, il suo amore struggente per il Padre.

Così scopriamo che la strada è in salita, perché occorre percorrerla con la propria croce, che prima di essere un supplizio è il luogo del massimo amore che Gesù ha per noi e che noi vogliamo avere per Lui. Non c’è altro modo per il cristiano di realizzarsi: togliersi dal centro, donare la propria vita, non tenere per sé niente, non pensare di guadagnare il mondo, ma di orientare tutto se stesso a Dio.

Fare la strada di Gesù per noi è passare per le strade di questo mondo che spesso si perdono nel nulla, tenendo dietro a Gesù, perché anche lui ama le nostre strade, ma sa orientarle al cielo, a quel cielo che non è mai vuoto.

21 Febbraio 2020
+Domenico

Chi è Gesù per me?

Una riflessione sul Vangelo secondo Marco (Mc 8, 27-33)

E’ una domanda che dobbiamo farci tutti.

A Gesù interessa molto, non certo per bisogni affettivi, saremmo noi invece che ha questi bisogni.

E’ una domanda che va al centro della nostra fede.

Non è soltanto un “chi dite che io sia” che abbia curiosità teorica, ma domanda che decide una relazione totale, completa, fatta di accoglienza da parte nostra e di dono infinito d’amore da parte di Gesù, Figlio di Dio.  

Stava a cuore a tutti i padri e i giovani presenti al Sinodo di due anni fa.

Prendiamo allora le risposte che ha dato papa Francesco: <<Anzitutto voglio dire ad ognuno la prima verità: “Dio ti ama”. Se l’hai già sentito, non importa, voglio ricordartelo: Dio ti ama. Non dubitarne mai, qualunque cosa ti accada nella vita. In qualunque circostanza, sei infinitamente amato. Posso dirti con certezza che puoi gettarti in tutta sicurezza nelle braccia del tuo Padre divino, di quel Dio che ti ha dato la vita e che te la dà in ogni momento. Egli ti sosterrà saldamente e, nello stesso tempo, sentirai che rispetta fino in fondo la tua libertà.  La seconda verità è che Cristo, per amore, ha dato sé stesso fino alla fine per salvarti. Quel Cristo che ci ha salvato sulla croce dai nostri peccati, con lo stesso potere del suo totale dono di sé continua a salvarci e redimerci oggi. Guarda la sua Croce, aggrappati a Lui, lasciati salvare, perché « coloro che si lasciano salvare da Lui sono liberati dal peccato, dalla tristezza, dal vuoto interiore, dall’isolamento ».65 E se pecchi e ti allontani, Egli di nuovo ti rialza con il potere della sua Croce. Non dimenticare mai che «Egli perdona settanta volte sette. Torna a caricarci sulle sue spalle una volta dopo l’altra. Nessuno potrà toglierci la dignità che ci conferisce questo amore infinito. 

C’è però una terza verità, che è inseparabile dalla precedente: Egli vive! Occorre ricordarlo spesso, perché corriamo il rischio di prendere Gesù Cristo solo come un buon esempio del passato, come un ricordo, come qualcuno che ci ha salvato duemila anni fa. Questo non ci servirebbe a nulla, ci lascerebbe uguali a prima, non ci libererebbe. Colui che ci colma della sua grazia, Colui che ci libera, Colui che ci trasforma, Colui che ci guarisce e ci conforta è qualcuno che vive. È Cristo risorto, pieno di vitalità soprannaturale, rivestito di luce infinita. Per questo San Paolo affermava: «Se Cristo non è risorto, vana è la vostra fede » (1 Cor 15,17).”  

Queste tre verità su Gesù figlio di Dio ci riempiono la vita di gioia, di certezza, di verità, di libertà, di accoglienza, di amore. Gesù tu sei questo per me, non guardare alle  mie carognate, ma trasforma i dubbi in atti nuovi di amore per te, trasforma, la mia incostanza in desiderio di non cedere, cambia la mia noia nella tua gioia.

Questo sei per me. 

20 Febbraio 2020
+Domenico

Farsi tenere per mano da Gesù per tendere la mano a tutti

Una riflessione sul Vangelo secondo Marco (Mc 8, 22-26)

Non vederci deve essere proprio una brutta cosa: Non sei tu che conduce il mondo delle tue relazioni; ti devi sempre fidare degli altri.

Hanno inventato proprio apposta la frase “fidarsi ciecamente“.  

Fa impressione questo cieco di Betsaida: sembra quasi rassegnato, se non renitente a prendere l’iniziativa.

Lui sta tranquillo, non si aspetta più niente dalla vita che per lui è solo un buio costante senza speranza: Sono gli altri che lo presentano a Gesù.

Ha dei buoni amici, c’è gente che si prende cura di lui; C’è gente che gli vuole bene, ma è un bene non sufficiente da potergli ridare la vista; si fanno carico loro di portarlo da Gesù e dalle loro mani lo affidano alle mani di Gesù, nelle mani potenti di Gesù.  

Contempliamo questo gesto tenerissimo: Gesù sempre immerso e quasi soffocato dalla gente che non lo molla un momento, prende per mano il cieco. Lo prende per mano perché lo deve guidare, perché vuol fargli sentire il calore della sua amicizia, lo prende per mano perché un cieco ha bisogno di un contatto vivo, ha bisogno di sentire nel linguaggio di una mano la possibilità di fidarsi.

Molti lo hanno spesso preso per mano per prestargli i loro occhi, poi lo hanno lasciato ancora cieco e bisognoso di un’altra mano e di un’altra ancora … ma le mani di Gesù sono le mani del Dio vivente! Sono le mani tenerissime di chi sa accarezzare, di chi dà forza, di chi fa sentire il palpito del cuore.

Voglio fantasticare a pensare quanta comunicazione è passata da quelle mani. Voglio immaginare il cieco col cuore in gola, tutto abbandonato in Gesù, voglio pensare a Gesù che dà la mano a questa umanità ferita e sofferente, voglio pensare che in quelle mani Gesù pensasse di stringere anche le mie..  

Ebbene Gesù con quelle mani comunica la compagnia necessaria per la vita del cieco e la fine dell’oscurità.

Gesù si lascia andare a compiere gesti, a toccare; è un miracolo della corporeità, della fisicità di Gesù, del contatto, dell’incarnazione fino in fondo.

S’è fatto uomo per darci la mano, per prenderci per mano. 

Aveva deciso nella vita trinitaria di realizzare questo sogno e ora lo vive ogni giorno. Gli mette la saliva sugli occhi, gli impone le mani.

Da quando ha toccato il lebbroso il suo tocco è salvezza. 

Gesù vorrei anch’io sentirmi preso per mano da te: Sono forse anch’io come questo cieco, un po’ troppo passivo, ma non per questo tu mi lasci alla mia inerzia. 

Gesù vorrei anch’io sentirmi preso per mano da te: Sono senza vista, l’ho consumata tutta nell’inutilità, ho perso i colori della gioia, della solidarietà, per me gli uomini che mi stanno accanto sono alberi che camminano, senza volto, perché non sono più capace di vedere in profondità. 

Gesù vorrei anch’io sentire la tua mano nella mia per dirti con la mia corporeità che ti amo: Sono stufo di dirlo con elucubrazioni astratte, ho voglia del tuo amore concreto; Voglio imparare da te anch’io a prendere per mano i miei amici per condurli a te, perché tu dia loro la salvezza. Sei tu che mi hai chiamato a prestare la mia mano a te.

Fammi provare la tua dolce comunicazione di salvezza. 

18 Febbraio 2020
+Domenico

Un male dell’anima: la durezza di cuore

Una riflessione sul Vangelo secondo Marco (Mc 8, 14-21)

Mi fa pensare stamane la domanda sferzante che fa Gesù agli apostoli: avete il cuore indurito?

 Nessun uomo indurito nel cuore ha mai raggiunto la salvezza,  a meno che Iddio misericordioso, come dice il profeta, non gli abbia strappato il cuore di pietra e gli abbia dato un cuore di carne. 

C’è in noi un male dell’anima, detto “durezza di cuore”, che per noi praticamente è l’«essere molto occupati», «essere troppo presi dal lavoro»; e non lo consideriamo affatto un male dell’anima, anzi, ne siamo pure orgogliosi perché noi siamo molto bravi  a occuparci di così tante cose; di agire come se, per noi, la giornata avesse 48 ore.

E così non si vive, «Tutti muoiono, ma pochi vivono».

E’ angosciante che la vita scorra senza consapevolezza che in questo estraniarsi dalla nostra interiorità, chiudiamo la nostra anima a tutte le sollecitazioni positive della vita, perché ci assorbono solo i nostri interessi.  

Che cos’è dunque un cuore di pietra? È quello che:

  • non s’incrina perché si priva di minimi pentimenti,  
  • non s’addolcisce nella pietà,  
  • non si commuove alla preghiera;  
  • Non serba riconoscenza per i benefici,  
  • è recalcitrante ai consigli,  
  • è spietato nei giudizi,  
  • è sfacciato nelle volgarità, 
  • è spavaldo nei pericoli,  
  • è insensibile con gli uomini e temerario con Dio;  

Dimentica il passato, trascura il presente, non provvede al futuro: del passato ricorda solo le ingiurie, del presente non gli interessa nulla, e del futuro gli preme solo la prospettiva o la preparazione di qualche vendetta.  

E, per riassumere in poche parole, un cuore duro

non teme Dio né rispetta l’uomo.  

Abbiamo un cuore di pietra!

Sopprimere il proprio cuore di carne e sostituirlo con un cuore di pietra: ecco il peccato che l’uomo commette contro se stesso, contro Dio e contro il prossimo … e lo commette immergendosi nelle mille occupazioni che non gli lasciano più il tempo e il modo di vedere la bellezza del mondo, di dedicarsi agli affetti disinteressati, di coltivare la propria anima e di evolvere verso la luce della verità.

Non si tratta tanto di una riduzione quantitativa del tempo in cui facciamo posto ai sentimenti di amore, di amicizia, di  solidarietà o alla preghiera, anche questo; ma soprattutto perdiamo qualità della vita, perché il primo effetto negativo dell’eccesso del fare è quello di perdere la sensibilità affettiva e di mercificare il tempo. 

I primi ad accorgersi sono i bambini che vengono sommersi di regali e non accolti con affetti e abbracci. 

18 Febbraio 2020
+Domenico

Cerca sempre prove, ma dentro una vera conversione intellettuale

Una riflessione sul Vangelo secondo Marco (Mc 8, 11-13)

Spesso abbiamo anche noi voglia di comunicare agli altri quello che ci riempie la vita di gioia, di soddisfazione, di completezza.

Vorremmo che tutti lo sapessero, provassero ciò che noi percepiamo, condividessero con noi qualche passo della nostra esistenza; ma ci troviamo di fronte o a indifferenza, o biasimo, o rifiuto, spesso anche giudizi trancianti da disperazione.

Ebbene Gesù si scontra non una volta sola, con l’incredulità che non viene da valutazione, da disponibilità al dialogo, ma solo da accecamenti, da partito preso, da disattenzione degli stessi apostoli.

Il suo messaggio non è accolto in profondità.

I farisei lo vogliono mettere alla prova, rifiutano ciò che è loro donato dal Signore e pretendono di fissare essi stessi come Dio debba agire.  

Sempre con Gesù, non si tratta di restringere lo spazio della razionalità, del cercare ragioni convincenti da ogni punto di vista.

La fede ha buon diritto di stare a confronto con ogni ricerca scientifica, non teme la scienza e quindi non deve essere emarginata dal mondo intellettuale e da nessuna cultura.

Sembra un discorso da specialisti, ma deve stare al fondo di una corretta educazione che vuol aiutare l’uomo a vivere con dignità la sua dimensione religiosa nel mondo di oggi, negli snodi fondamentali della concezione di uomo, di bene comune, di vita, di persona che stanno alla base di tante discussioni e lacerazioni del tessuto culturale della quotidianità.

E’ necessaria  una conversione intellettuale, che è propria di chi sa ragionare con la propria testa, cogliendo la ragionevolezza della fede. 

L’impegno dei cristiani nella cultura è anche servizio allo sviluppo culturale della città, al condividere con il mondo degli universitari le speranze di un futuro  da vivere nel territorio. 

La dimensione religiosa dell’uomo ha pari dignità come ogni altra dimensione.

Spesso la fede cristiana è vista come una debolezza culturale e una caduta di tono nel mondo scientifico: Il positivismo è duro a morire sia nelle scuole, sia nei mass media, sia nella coscienza degli uomini di cultura e la Chiesa non può adattarsi a nessun talebanesimo, a nessun fondamentalismo o falsa certezza immotivata.  

Nei farisei, ma anche in noi, manca l’apertura, l’umiltà, la fiducia, la libera adesione, le disposizioni per accogliere Cristo.

Gesù che fa? Esce in un grande sospiro e si allontana rispettando la decisione umana, ma fa capire che essa impedisce l’incontro e la salvezza.

A noi comprendere che questa chiusura blocca anche noi che, invece, come Chiesa dobbiamo aprire i nostri cuori e quelli dei nostri contemporanei alla ricerca umile e disinteressata del bene, della verità, della salvezza. 

17 Febbraio 2020
+Domenico

Esuberanza del cuore e comportamenti limpidi

Una riflessione dal Vangelo secondo Matteo

<<Non pensate che io sia venuto ad abolire la Legge o i Profeti; non son venuto per abolire, ma per dare compimento. In verità vi dico: finché non siano passati il cielo e la terra, non passerà neppure un iota o un segno dalla legge, senza che tutto sia compiuto. Chi dunque trasgredirà uno solo di questi precetti, anche minimi, e insegnerà agli uomini a fare altrettanto, sarà considerato minimo nel regno dei cieli. Chi invece li osserverà e li insegnerà agli uomini, sarà considerato grande nel regno dei cieli>>.

Vi sarà capitato qualche volta nella vita di godere dell’amicizia di una persona … magari quando hai fatto l’obiettore o la naia, lontano da casa.

In qualche posto in cui si è spaesati e impauriti poter contare su qualcuno che condivide le tue paure, i tuoi rischi, è sempre bello.

Ma la cosa più interessante è che una semplice amicizia qualche volta fa scoprire dentro di te forze e possibilità che non sapevi di avere.

Sembra quasi che quando ami qualcuno ti si aprano dei varchi che avevi sempre pensato invalicabili.

L’amico perfora il fondo roccioso della tua vita e ne fa sprizzare energia.

Così è quando vieni a contatto con Cristo: è come se scavasse nel fondo della tua coscienza e ne estraesse nuova e ignorata energia, la vita intera si mette in moto, prende un senso nuovo.

Immaginiamo quanto è triste la solitudine: ti fa avvinghiare alle tue abitudini, facendole passare per regolarità; ti blocca alle regole del galateo, facendotele vedere come il migliore comportamento; ti lega alle piccole sicurezze della tua prigione, spegnendo ogni novità.

E tutti quelli, soprattutto i giovani, che si comportano diversamente o che non rispettano le tue regole, li maledici, li detesti, li combatti.

Ti sei costruito una prigione comoda, dorata, sicura, ma sempre prigione è!

L’incontro con Cristo, l’amico, invece butta all’aria le tue abitudini. Ama e fa ciò che vuoi.

La vostra giustizia è superiore alla denuncia dei redditi, nel senso che fa la denuncia dei redditi, ma non s’accontenta di questa, è una giustizia di rapporti con le persone, con le comunità, non è legata solo e soprattutto a conti e timbri.

Il cristiano è colui che si è liberato dall’idea che la felicità, la giustizia, l’onestà, la dignità sia affidata a un insieme di regole impossibili da seguire, di fronte alle quali ti senti sempre schiacciato, sfinito; sono sempre più grandi di te, perché qualcosa te lo dimentichi o ti lega.

Il cristiano, come un innamorato, è sempre pronto ad andare oltre.

Ma è anche talmente saggio da custodire lo slancio del cuore, la generosità dei suoi gesti entro un comportamento limpido, alla luce del sole, confrontabile con tutti e per questo non bizzarro, cervellotico, ma umano, orientato.

Spesso il rispetto per gli altri ti obbliga a costringere l’esuberanza del cuore entro comportamenti semplici.

Anche questo voleva dire Gesù sulla montagna quando si proclamava libero di fronte alla legge, ma non la saltava; la osservava più di tutti e sapeva, però, andare oltre.

16 Febbraio 2020
+Domenico

Siamo folla e abbiamo fame non solo di pane

Una riflessione sul Vangelo secondo Marco (Mc 8, 1-10)

<<Così essi mangiarono e si saziarono; e portarono via sette sporte di pezzi avanzati. Erano circa quattromila. E li congedò. Salì poi sulla barca con i suoi discepoli e andò dalle parti di Dalmanùta>>.

Siamo spesso anche noi folla che cerca risposte alle nostre vite, ai nostri affanni, alla nostra fame: Non abbiamo solo bisogno di beni materiali, di cibo, di acqua, ma anche e soprattutto di pace, di serenità, di compagnia, di umanità, di accoglienza.

La folla che si stringeva attorno a Gesù lo trovava sempre disponibile a donare il pane e rinnovare la sua misericordia.

Oggi vogliamo essere noi questa folla che cerca Gesù.

Siamo sicuri che non si stanca di noi, non si scoraggia per la nostra durezza di cuore: Insiste con il suo dono infinite volte.

Tutta la storia è il tempo della pazienza di Dio.

Il pane che il Signore dà ai suoi apostoli prefigura inequivocabilmente un altro pane che verrà dato all’inizio dell’ultimo gesto che Gesù farà per i suoi discepoli, nell’ultima cena.

E in questo gesto cerca di coinvolgere i suoi apostoli: Vince la loro iniziale resistenza, rendendoli strumenti della sua tenerezza.

I suoi apostoli… la sua Chiesa oggi siamo noi ed è a noi che Cristo chiede di aprire gli occhi sulla “fame”, spesso inespressa, dell’umanità che incrociamo nel mondo delle nostre relazioni.

Non siamo predicatori, nemmeno forse cristiani convinti, ma siamo donne e uomini, giovani e ragazze che si portano dentro un messaggio che ci ha tutti stregati, ci ha fatto intraprendere strade evangeliche.

A noi chiede di mettere a disposizione cuore, mani, talenti, beni perché il miracolo della moltiplicazione dei pani raggiunga gli uomini del nostro tempo.

Il clima politico della Galilea di quel tempo era surriscaldato e bastava poco a suscitare fanatismi messianici.

Scriveva allora Giuseppe Flavio: “Uomini ingannevoli e impostori, che sotto apparenza di ispirazione divina operavano innovazioni e sconvolgimenti, inducevano la folla ad atti di fanatismo religioso e la conducevano fuori nel deserto, come se là Dio avesse mostrato loro i segni della libertà imminente” (Guerra giudaica 2,259).

Gesù se ne guardava bene dal far deviare gli apostoli in questi messianismi e a noi pure oggi dice che il centro è Lui e Lui stesso è questo pane spezzato e questo sangue versato, perché lo possiamo seguire anche noi.

Questa moltiplicazione dei pani avviene in terra pagana e quindi offerta in pienezza anche ai pagani.

Le sette ceste di pezzi avanzati sono destinate alle settanta nazioni pagane della tradizione biblica ebraica (cfr Gen 10).

15 Febbraio 2020
+Domenico

Il puro o l’impuro è cosa del cuore, non delle cose

Una riflessione sul Vangelo secondo Marco (Mc 7, 14-23)

Riusciremo a riscrivere il Vangelo nella nostra vita, nelle nostre abitudini, nella nostra mentalità che tende sempre ad adattarsi, a cercare sicurezze esteriori, per non cambiare? 

Abbiamo sempre in noi le nostre vecchie tentazioni di inventare un qualcosa di “fisico”, di esteriore … comodo per distinguere il bene dal male, per tracciare i confini del lecito e dell’illecito senza coinvolgerci e coinvolgere soprattutto la nostra interiorità. 

Dividere nel creato le cose buone da quelle cattive, le cose di Dio da quelle di satana, le persone pure da quelle impure, i figli di Dio da eventuali figli degeneri, è sempre una operazione allettante, perché non ci scomoda; al massimo ci impone delle regole, qualche sacrificio: non mangiare questo, non frequentare quello, difenditi dalla TV, lascia perdere i delinquenti, non ti immischiare coi violenti … ti devi creare un “cordone sanitario” che ti costringe a qualche privazione, ma ti dà una certezza

Il tuo cuore allora è al sicuro se non entra questa “melma”, il tuo gruppo è un cenacolo, la tua compagnia è esemplare … Difenditi, insomma, dalla fogna. 

Invece Gesù ancora ci provoca, ci richiama alla grande dignità della nostra umanità: la nostra corporeità non è nessuna fogna.

La fabbrica del bene e del male è nella coscienza, in quell’intimo dialogo tra noi e Dio: cuore, lo chiama il Vangelo. 

Dio ha fatto bene tutte le cose e si è affidato alla nostra libertà per condurle: Non ci ha deresponsabilizzato, ma ha affidato alla profondità e alla qualità della nostra umanità la realizzazione del regno delle coscienze e non sulle coscienze. 

Certo è una strada in salita!

Avere nell’intimo della coscienza illuminata dalla fede la decisione per il bene o per il male ci porta a vivere spesso nell’oscurità, nel non sapere bene come vivere il Vangelo in ogni situazione, nel non avere la certezza del comportamento giusto negli affetti, nel lavoro, nelle relazioni, nella visione di sé, nella costruzione di un ambiente giusto … è vivere anche da battezzati o da consacrati quella laicità che deve qualificare ogni cristiano. 

Il senso del Vangelo di oggi è nato nel grande mistero dell’Incarnazione:  Gesù sta solo aiutando i suoi discepoli a cambiare mentalità ad assumere i criteri della Incarnazione, dove è iniziata per noi la nuova umanità.

Da quando Dio si è fatto uomo tutta la nostra vita, la nostra storia, il nostro tempo è esistenza che condividiamo con Dio.

Non c’è più distinzione tra sacro e profano!

L’unica profanità è il peccato, che nasce nel cuore dell’uomo, non è scritto nelle cose o in qualche parte del nostro corpo. 

Tutto il resto è vita di Dio in Gesù: ed è lo Spirito che delinea in noi i tratti di Gesù.

Maria, è lo spazio fisico e spirituale insieme, in cui è avvenuta l’Incarnazione.  

Dio nel suo piano imperscrutabile ci pone Maria davanti agli occhi perché ritorniamo a contemplare in lei la vera umanità riconsegnata alla nostra libertà che spesso usiamo male. 

Il simbolo di questo male sono le nostre sofferenze che proprio per l’Incarnazione cessano di essere una maledizione, ma ancora passando nel grande dono, nel cuore dell’uomo, ne possono uscire come collaborazione alla salvezza. 

Abbiamo in grande dono una alleata, di ogni genitore, di ogni adulto, che è sempre educatore, nell’impegno formativo delle nuove generazioni, di ogni cristiano: la Madonna, lo spazio fisico e spirituale della laicità cristiana. 

12 Febbraio 2020
+Domenico